spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VII Congresso di Arci Firenze (a Grassina): Marzia Frediani è la nuova presidente

    Il congresso, il primo della storia dell’Arci con più delegate donne che uomini, ha visto anche la nomina dei 51 componenti del consiglio direttivo territoriale

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Il congresso di Arci Firenze, svoltosi alla casa del popolo di Grassina, dopo due giorni di confronto che hanno visto la partecipazione di 90 delegati e delegate e oltre 30 invitati, si è concluso con l’elezione a presidente di Marzia Frediani, che succede ai due mandati di Jacopo Forconi.

    Il congresso, il primo della storia dell’Arci con più delegate donne che uomini, ha visto anche la nomina dei 51 componenti del consiglio direttivo territoriale.

    Alcune conferme e molti nomi nuovi, soprattutto quelli di giovani dirigenti di circoli rigenerati negli ultimi anni e di associazioni culturali che si sono avvicinate all’Arci nell’ultimo biennio.

    Marzia Frediani, 46 anni, vicepresidente uscente del comitato, si presenta così: “E’ stato davvero un bel congresso, ricco di temi e molto partecipato”.

    “Le questioni da affrontare nell’immediato – evidenzia – saranno quelle legate al supporto dei nostri circoli e della nostra associazione in un periodo ancora molto difficile. Ci sono inoltre alcuni temi contingenti da affrontare, come la riforma del terzo settore, oltre ad altri obiettivi sui quali i nostri circoli ci hanno chiesto di lavorare, come è emerso dagli ordini del giorno approvati dal congresso”.

    “Ci troviamo oggi – conclude la neo presidente ai microfoni di Novaradio – in un momento in cui l’Arci può contare su tante persone che si sentono parte di un gruppo ampio e coeso. Per questo non vedo l’ora di rimettermi al lavoro e di costruire insieme l’Arci del futuro”.

    Un congresso che ha visto la partecipazione ed i saluti del sindaco della Città Metropolitana Dario Nardella, di quello di Bagno a Ripoli Francesco Casini, dell’artista Gianluca Costantini, in prima linea nelle campagne per la liberazione di Patrick Zaky.

    Oltre ai rappresentanti di Cgil, Anpi, UDU e Rete Studenti Medi, dei genitori di Lorenzo Orsetti, del Collettivo di fabbrica della GKN, della Comunità dei senegalesi a Firenze, insieme ai contributi video dei partner internazionali di Arci Firenze, dei partiti politici fiorentini di sinistra, Arcigay, Legambiente e Uisp.

    Due giorni di confronto che hanno portato alla definizione di 9 ordini del giorno che impegnano direttamente il Comitato o che saranno portati ai successivi Congressi Regionale e Nazionale.

    Tanti i temi trattati: dal tesseramento on line e riservato ai giovani al coinvolgimento delle basi associative nella progettazione, dalle questioni ambientali all’educazione sessuale, dal turismo sostenibile alla salute mentale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...