spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Brugge, Bruxelles, lo studio dell’inglese, i cimiteri e… cibi fritti e unti: il racconto

    BAGNO A RIPOLI – Come promesso i ragazzi della 2° e 3°AFM dell'Istituto "Gobetti-Volta" di Bagno a Ripoli si sono recati in Belgio dal 18 al 24 aprile e con tanto entusiasmo hanno raccontato la loro stimolante esperienza una volta tornati alla dura realtà scolastica.

     

    L'impatto iniziale è stato piacevole e divertente in quanto, nel fine settimana gli studenti belgi hanno autonomamente organizzato una gita in treno a Brugge, cittadina situata a nord del Belgio, caratterizzata da numerosi negozi con vetrine straripanti dei più vari tipi di cioccolata e birra.

     

    Altrettanto emozionante è stata la breve gita in barca lungo il fiume, passando sotto i caratteristici ponti della storica città.

    Certo è che l'entusiasmo iniziale si è affievolito nei giorni successivi, trascorsi all'interno del college e dedicati al racconto in inglese della storia della Prima Guerra Mondiale. O visitando tre dei centoquaranta cimiteri più importanti presenti nei pressi di Leper.

     

    Giovedì svegli all'alba per la tanto attesa visita della capitale, nonché sede del Parlamento Europeo, Bruxelles.

     

    A differenza della tranquilla Brugge, qui non mancavano il traffico, lo smog e tanti turisti, ma il tutto era ricompensato dalla presenza di vari ristoranti italiani e di numerosi negozi di abbigliamento tanto desiderati dalle ragazze durante i giorni precedenti.

     

    Anche se allo shopping hanno potuto dedicare poco tempo, date le ferree regole imposte dai professori belgi.

     

    La giornata in cui i ragazzi hanno potuto dare prova delle proprie abilità fisiche è stata l'ultima, dedicata allo sport, al quale in Belgio è data tanta importanza; ciò è visibile per la presenza di innumerevoli palestre e campi sportivi all'interno del college.

     

    E che dire delle serate: i maschi hanno apprezzato particolarmente la possibilità di assaggiare la rinomata birra del Belgio e di conoscersi meglio seduti al tavolino di uno dei numerosissimi pub locali.

     

    Anche le ragazze si sono potute lasciar andare, scherzando e prendendosi in giro durante le partite di bowling.

     

    Come era prevedibile, i ragazzi italiani sono tornati con tanta voglia di mangiare un bel piatto di “vera” pasta al pomodoro, data la mancanza di piatti gustosi e salutari, sostituiti in Belgio da fritto, birra e bibite gassate.

     

    Complici le belle giornate, è stata comunque una valida esperienza per stringere amicizia tra studenti italiani e stranieri e per  migliorare ognuno il proprio inglese non proprio perfetto.

     

    Anche in questa occasione non sono mancati i saluti commoventi e i ringraziamenti ai professori, che insieme alle famiglie tanto si sono impegnati per la buona riuscita dello scambio. Con il buon proposito da parte dei ragazzi, di rimanere in contatto con i vari corrispondenti stranieri.

     

    Articolo realizzato da studenti dell'istituto "Gobetti-Volta" di Bagno a Ripoli  nell'ambito di un percorso giornalistico effettuato insieme alla redazione del Gazzettino del Chianti

    di Sofia Turchi

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua