spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 21 dicembre alle 10 “Una vita Premiata”: meritatissimi riconoscimenti

    BAGNO A RIPOLI – Il Comune di Bagno a Ripoli organizza la sesta edizione della manifestazione "Una Vita Premiata – Cittadini di e per Bagno a Ripoli" (in foto sopra l'edizione 2012), che si svolgerà sabato 21 dicembre alle 10 presso la sala consiliare "Falcone e Borsellino", nel palazzo comunale.

     

    Saranno premiati: Piero Ferrucci, psicoterapeuta; Liliana Spagnoli Panconesi, imprenditrice e stilista; Piero Gastaldo Brac, presidente Fratellanza Popolare; Elena Dal Pino, dirigente scolastico e amministratore comunale.

     

    E ancora Learco Pini e Vanna Piccini, imprenditori Villa Santa Monica e Villa Olimpia; Albertina “Berta” e Lorenzina Barbieri, cittadine benemerite e volontarie; Susy Bellucci, cantante e autrice; Giancarlo Zani, amministratore comunale e dirigente Auser; Gianfranco Franchi, venditore ambulante e sportivo. Premio alla memoria a Giuliano Ermini, antifascista e volontario.

     

    Interventi del sindaco Luciano Bartolini, dell'assessore allo sviluppo locale Alessandro Calvelli, dell'assessore alle politiche educative e socio-sanitarie Rita Guidetti. Letture a cura di Alessandro Calonaci.

     

    "Dodici nuove vite premiate – sottolinea il sindaco Bartolini – che meritano l'apprezzamento della nostra comunità per l'esistenza che hanno condotto, sempre dedicata agli altri, al lavoro e al conseguente successo, alla sana soddisfazione personale, quella che nasce da un'ambizione positiva che produce gioia e la trasmette agli altri".

     

    "Alcuni di loro – prosegue – sono molto noti a Bagno a Ripoli per la loro attività e per l'impegno nel volontariato o nell'amministrazione della cosa pubblica, altri sono un po' meno conosciuti, però svolgono o hanno svolto nei loro luoghi o settori un'opera molto significativa. Abbiamo la cantautrice Susy Bellucci, artista completa e ricercatrice della voce, e un professore di fama internazionale come Piero Ferrucci, allievo prediletto dell'inventore della psicosintesi, il quale probabilmente presto offrirà al Comune alcune sue conferenze o momenti d'incontro".

     

    "Liliana Spagnoli Panconesi – dice ancora – è un'imprenditrice di Ponte a Ema del settore del ricamo e della biancheria intima. Piero Gastaldo Brac è presidente emerito della Fratellanza Popolare di Grassina. Elena Dal Pino, dopo essere stata figura di spicco nel campo educativo come validissima docente e dirigente scolastico, nel 2003/2004 ha retto il Comune nel periodo critico seguito alla scomparsa del sindaco Giuliano Lastrucci e poi è stata assessore per un altro mandato, fino al 2009".

     

    "Learco Pini e Vanna Piccini – prosegue – sono gli antesignani delle residenze e dei servizi per gli anziani: con il loro impegno hanno fatto scuola e contribuito a far diventare Bagno a Ripoli uno dei luoghi di maggior diffusione delle residenze per gli anziani, grazie anche alla qualità ambientale e al rapporto città-campagna. Le sorelle Albertina "Berta" e Lorenzina Barbieri, insieme ad altri personaggi già premiati in passato, sono un po' le custodi e l'anima di piazza Peruzzi, ad Antella, e si sono sempre distinte per il loro impegno verso l'handicap e le persone più deboli".

     

    Tutti vengono descritti minuzionsamente: "Giancarlo Zani è stato amministratore di questa Comunità, prima come presidente del consiglio di Circoscrizione di Bagno a Ripoli, poi come assessore, quindi, fino a pochi mesi fa, da presidente dell'Auser. Con Gianfranco Franchi si premia un mestiere antico, quello del merciaio ambulante, che girava le campagne con il suo mezzo di locomozione che solo da ultimo è stato un'automobile, se no erano biciclette o motorini di fortuna, naturalmente estate e inverno. È un omaggio a lui per la serietà e la passione con cui ha svolto la sua piccola grande missione di "merceria a domicilio", ma anche a quanti, come lui, hanno esercitato lo stesso mestiere".

     

    "Il riconoscimento alla memoria – conclude – va a Giuliano Ermini, per la sua storia di antifascismo e resistenza e per l'animazione culturale portata per tanti anni nel circolo di Candeli, con le mostre di pittura che sempre organizzava. Ecco per un altro anno un grande affresco di umanità di cui la nostra comunità può andare fiera!”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...