spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Volontario Misericordia Badia a Ripoli colpito da no vax, solidarietà da Comune e Regione Toscana

    Il sindaco Casini: "Chi ha insultato Dino avrebbe tanto da imparare". L'assessore regionale Bezzini: "Un episodio di inciviltà non giustificabile"

    BADIA A RIPOLI – “La Misericordia di Badia a Ripoli, insieme alle associazioni del territorio ripolese, è stata una delle colonne portanti per la gestione dell’emergenza, al servizio degli altri in maniera incondizionata con le sue operatrici, gli operatori e i volontari. In prima linea per prestare aiuto ai più fragili”.

    Così il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini condanna l’aggressione del volontario della Misericordia di Badia, Dino Fierli.

    # Volontario della Misericordia di Badia a Ripoli insultato e colpito da tre no vax mentre era fuori in divisa

    “Chi ha insultato e colpito il signor Dino – chiosa Casini -avrebbe tanto, tanto da imparare da lui e dagli altri volontari”.

    “Alla Misericordia di Badia a Ripoli – conclude – tutta la solidarietà mia e della comunità ripolese”. 

    “Tutta la mia solidarietà e vicinanza al volontario della Misericordia, aggredito per strada da tre no vax. Ferma condanna per quanto accaduto”. 

    Queste le parole dell’assessore al diritto alla salute della Regione Toscana, Simone Bezzini.

    “E’ un atto gravissimo da condannare con forza. Un episodio di inciviltà non giustificabile – aggiunge Bezzini – La violenza non appartiene alla nostra comunità, alla nostra regione, che si è sempre distinta per i suoi profondi valori di fratellanza e umanità, come hanno sempre ben rappresentato le nostre associazioni di volontariato a partire dalla Misericordia, a cui va tutta la mia piena solidarietà per quanto accaduto e apprezzamento per il lavoro svolto al servizio del prossimo”.

    “L’impegno del volontariato – rilancia Bezzini – è stato ed è fondamentale anche nella lotta al Covid, lungo tutta la filiera sanitaria di contrasto al virus e nella campagna di vaccinazione, che resta lo strumento più forte a nostra disposizione per fronteggiare gli effetti della pandemia”.

    “I vaccini salvano la vita – conclude – Il mio appello è a vaccinarsi tutti e per chi può a fare subito la quarta dose”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...