spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Volontario della Misericordia di Badia a Ripoli insultato e colpito da tre no vax mentre era fuori in divisa

    Il Coordinamento delle Misericordie dell'Area Fiorentina: "Serve una condanna dura e corale"

    BADIA A RIPOLI – “Piena solidarietà e massima vicinanza nei confronti di Dino, volontario della Misericordia di Badia a Ripoli aggredito dai no vax. Un episodio gravissimo, che vogliamo condannare con forza”.

    È la presa di posizione di Andrea Ceccherini, presidente del Coordinamento delle Misericordie dell’Area Fiorentina.

    Che arriva dopo l’aggressione a Dino Fierli, 59 anni, volontario della Misericordia di Badia a Ripoli che è stato insultato e colpito da tre no vax mentre era fuori in divisa.

    “L’altro aspetto che ci preoccupa – ha aggiunto Ceccherini – è che, da quanto racconta lo stesso volontario, l’aggressione da lui subita non è un episodio isolato”.

    “La violenza è sempre sbagliata – riprende – ma qui c’è un’aggravante inquietante: prendere di mira una persona che si mette a disposizione della comunità in modo spontaneo e del tutto gratuito”.

    “La condanna è totale – conclude Ceccherini – e speriamo corale”.

    # Volontario Misericordia Badia a Ripoli colpito da no vax, solidarietà da Comune e Regione Toscana

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...