mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    A Tavarnelle il regno del cashmere: andiamo alla scoperta dell'”Outlet del Cashmere”

    Cappotti, maglie, pantaloni, felpe, cardigan, poncho, mantelle, gilet, cappelli, sciarpe, stole (perfino le mascherine). Tutto parte dai titolari Beatrice Coli e Dimitri Paolacci...

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) –  “Outlet del Cashmere”, in via Roma 41 a Tavarnelle: il regno del cashmere.

    La parola d’ordine qui – ovviamente – è “cashmere”, declinato in tantissime sfaccettature, sia per donna che per uomo: cappotti, maglie, pantaloni, felpe, cardigan, poncho, mantelle, gilet, cappelli, sciarpe, stole. Persino le mascherine in cashmere (oltre a quelle in cotone).

    Pur essendo un filato pregiato, da “Outlet del Cashmere” potete trovare il cashmere a prezzi meno elevati di quello che si pensi, perché i capi passano direttamente dal produttore al negozio.

    Infatti i titolari, i sancascianesi Beatrice Coli e il marito Dimitri Paolacci, si occupano dell’intera filiera, dal filo al capo nella busta, nel loro maglificio al Calzaiolo.

    Dei veri e propri artigiani, cultori dell’hand-made, appassionati del loro lavoro nel quale vantano un’esperienza pluri-decennale.

    “Outlet del Cashmere” offre anche il servizio “su misura”. Un capo può essere realizzato in qualunque colore e in qualunque taglia (dalla XS alla 6XL).

    Inoltre il cliente può richiedere un capo personalizzato, che rispecchi appieno i propri gusti e valorizzi al meglio la propria fisicità.

    In negozio, dove Daura accoglie sempre con il sorriso, si trovano – oltre al cashmere – abiti e pantaloni da donna e camicie da uomo, da abbinare magari al capo in cashmere e creare così un look completo.

    In più, c’è la bigiotteria realizzata a mano da “BeaCrea”: collane, orecchini, bracciali e mascherine gioiello. Per un regalo o per rendere ancora più unico un outfit.

    “Il cashmere è un filato 100% naturale – a parlare è Beatrice – Sebbene sia fine e leggero, tiene molto caldo. E’ davvero morbido. Si abbina benissimo sia col jeans che con l’abito sartoriale. E lo si può portare anche in estate: un coprispalla in cashmere è perfetto nei dopo cena estivi”.

    “Il maglificio al Calzaiolo nacque negli anni Settanta – racconta – Era dei miei genitori. E ora lo gestiamo io e mio mariti Dimitri”.

    “Nel 2017 abbiamo aperto l’outlet a Tavarnelle – interviene Dimitri – nel fondo (ormai vuoto da tempo) di mia mamma, Anna Casamonti: qui mio nonno vendeva le stoffe e la biancheria per la casa fino dal 1950”.

    “Facciamo tutto noi, a mano – spiegano Beatrice e Dimitri – Una volta che ci è arrivato il filato (da Biagioli o Loro Piana), lo passiamo nella cera e lo smacchiniamo: è questo il processo con cui il filo viene tessuto”.

    “A questo punto cuciamo il capo – aggiungono – Seguono la follatura (cioè un lavaggio in lavatrice per rendere il capo più morbido) e l’asciugatura. Poi ci dedichiamo alle applicazioni. Infine all’etichettatura e al confezionamento”.

    “Dopo ogni passaggio – concludono Beatrice e Dimitri – controlliamo la qualità e facciamo delle correzioni, finché non è tutto perfetto. Le cuciture devono essere impeccabili e il capo deve vestire bene”.

    “Outlet del Cashmere” è aperto dalle 9.30 alle 13 e dalle 16.30 alle 20, tranne la domenica e il lunedì mattina.

    Per qualsiasi informazioni potete chiamare allo 0558249115 oppure potete passare direttamente in negozio e lasciarvi avvolgere… dal cashmere!

    “OUTLET DEL CASHMERE”… SUI SOCIAL

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...