spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Novembre 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Abbonamenti Tpl. Il Comune abbatte i costi per gli studenti e i cittadini fragili

    La giunta di Barberino Tavarnelle attiva una misura a sostegno: rimborsi fino al 40 per cento sui titoli di viaggio

    BARBERINO TAVARNELLE – Rimborsi fino al 40% sul costo del titolo di viaggio a tariffa ISEE.

    Il Comune di Barberino Tavarnelle prevede per l’anno scolastico 2023-2024 una misura economica che promuove l’utilizzo del servizio di trasporto pubblico locale, “sostenendo – viene spiegato – le fasce deboli della popolazione, in particolare gli studenti, mediante l’introduzione di rimborsi sui titoli di viaggio a tariffa ISEE”.

    Il sostegno economico sarà erogato sugli abbonamenti degli studenti a tariffa ISEE con validità dall’1 settembre 2023 al 31 agosto 2024 e gli abbonamenti a tariffa ISEE presentati dai residenti non studenti con validità dal primo settembre 2023 al 31 dicembre 2024.

    “L’intento è quello di andare incontro alle esigenze economiche di quelle categorie di utenze del nostro territorio che maggiormente ricorrono al servizio del Tpl, ovvero gli studenti e i lavoratori – – dichiara il sindaco David Baroncelli – riteniamo fondamentale sostenere l’utilizzo del trasporto pubblico locale anche per promuovere obiettivi di sostenibilità”.

    Per applicare tali misure sul costo dei titoli di viaggio la giunta Baroncelli ha stanziato un importo di spesa complessivo massimo attraverso gli stanziamenti previsti nel bilancio 2023 e 2024 pari a complessivi 10.000 euro.

    Sono tre le fasce percentuali, stabilite dall’amministrazione comunale, sulle quali è articolato il rimborso.

    I cittadini con ISEE uguale o inferiore a 12.000 euro e gli abbonamenti a tariffa agevolata potranno accedere al rimborso del 40% – precisa – coloro che hanno un ISEE compreso tra i 12.001 e i 24.000 euro sarà possibile un rimborso del 30%.

    Anche i cittadini con indicatore ISEE compreso tra i 24.001 e i 36.151,98 euro potranno usufruire di un rimborso nella misura del 20% sul titolo di viaggio a tariffa ISEE.

    Per accedere al rimborso occorre essere residenti nel Comune di Barberino Tavarnelle ed essere in possesso del tagliando ISEE TPL e di un titolo di viaggio a tariffa ISEE o a tariffa agevolata.

    Le domande da compilare sul modello apposito, disponibile sul sito web del Comune, devono essere presentate a mano all’ufficio URP del Comune di Barberino Tavarnelle (sede di Barberino Val d’Elsa, via Cassia 49, 0558052245, sede di Tavarnelle, piazza Matteotti 39, 0558052324), mediante raccomandata AR indirizzata al Comune Ufficio Pianificazione Economica Territoriale, tramite casella di posta elettronica certificata all’indirizzo barberinotavarnelle@postacert.toscana.it.

    I rimborsi saranno accreditati direttamente ai cittadini e verranno erogati in base all’ordine temporale di arrivo delle richieste. 

    L’erogazione del rimborso avverrà in tre tranches: la prima relativa alle richieste pervenute entro il 31 dicembre 2023, la seconda a quelle pervenute dall’1 gennaio 2024 al 30 giugno 2024 e la terza a quelle pervenute dall’1 luglio 2024 al 31 dicembre 2024. 

    Maggiori informazioni potranno essere richieste all’ufficio Pianificazione Economica Territoriale: Ilenia Ferrini, 0558052348.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...