spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle aderisce formalmente al Biodistretto del Chianti e al “Tuscany Bio Tour”

    L'assessore Tatiana Pistolesi: "Con le aziende che operano nel biologico possiamo costruire un modello sostenibile, attento alla conservazione delle risorse"

    BARBERINO TAVARNELLE – Il Comune di Barberino Tavarnelle entra a far parte del Biodistretto del Chianti, formalizzando l’adesione alle linee guida ispirate alla cultura del biologico adottate dall’associazione.

    Una realtà composta da agricoltori, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni che hanno condiviso un accordo per la gestione sostenibile delle risorse locali, partendo dal modello biologico di produzione e consumo.

    Il Comune si impegna a promuovere e realizzare le finalità previste dallo Statuto del Biodistretto, realizzando una serie di azioni alcune delle quali già inserite nell’attività amministrativa.

    Come l’introduzione di cibo biologico nelle mense scolastiche, l’implementazione della raccolta differenziata dei rifiuti, che la giunta comunale sta portando avanti proprio in queste settimane, con l’estensione a tutto il territorio comunale del servizio di porta a porta.

    Tra le azioni e le finalità del Biodistretto sulle quali si è allineato il Comune, anche l’utilizzo di materiali e stoviglie biodegradabili negli eventi pubblici. E il non utilizzo di diserbanti nelle aree e nelle strade pubbliche.

    “Crediamo nelle opportunità che sotto varie forme può sviluppare l’identità rurale del nostro territorio – dichiara l’assessore alla pianificazione economica territoriale Tatiana Pistolesi – attraverso la collaborazione con il tessuto economico e le aziende in crescita nel Chianti e nella Valdelsa che operano nello specifico nel biologico  possiamo costruire un modello sostenibile  attento alla conservazione delle risorse, alla compatibilità ambientale ed alla valorizzazione delle differenze locali”.

    “Lavoreremo perché il nostro territorio – aggiunge l’assessore – rimanga libero da colture Ogm, organismi geneticamente modificati”.

    La giunta comunale ha inoltre varato l’adesione all’iniziativa “Tuscany Bio Tour”, elaborata dal Biodistretto del Chianti e promossa da Toscana Promozione Turistica, che si propone di creare strumenti di supporto informativo rivolti ai turisti, italiani e stranieri, e proporre itinerari caratterizzati dalla presenza di produzioni agricole biologiche e biodinamiche di aziende presenti nei biodistretti della Toscana.

    “Il progetto consiste nella realizzazione di una mappa cartacea – spiega l’assessore Pistolesi – in cui si indicheranno le zone geografiche interessate con informazioni varie di carattere turistico e di una mappatura digitale in cui verranno riportati l’elenco delle aziende del biologico”.

    “Avere un ruolo di primo piano in questo settore ed essere partner del Biodistretto del Chianti – conclude il sindaco David Baroncelli – ci permetterà di promuovere ed incentivare forme di produzione e consumo di alimenti da agricoltura biologica, compresa l’introduzione di alimenti da agricoltura biologica nella ristorazione scolastica e collettiva, la qualità della vita dei cittadini  passa anche dalla valorizzazione dei prodotti biologici e tipici dei nostri territori e dalle risposte che riusciremo a dare alle esigenze di sviluppo economico e turistico del nostro Comune”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...