spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle, anche Alberto Marini candidato al consiglio regionale: in lista Orgoglio Toscano

    "Due idee per iniziare. Un'agricoltura di qualità in un territorio meraviglioso e nel rispetto dell'ambiente. Connessione veloce alla rete in ogni borgo"

    BARBERINO TAVARNELLE – Barberino Tavarnelle diventa un vero e proprio “serbatoio” di candidati al consiglio regionale in vista delle elezioni del 20 e 21 settembre.

    Dopo il vicesindaco Giacomo Trentanovi, in campo con la lista Sinistra Civica Ecologista (a sostegno della candidatura a presidente di Eugenio Giani) e quella di Leonardo Comucci (candidato per la Lega, a sostegno di Susanna Ceccardi presidente della Regione), ecco anche il terzo in lizza.

    Si tratta di Alberto Marini, volto storico del partito socialista a Tavarnelle e in tutto il Chianti fiorentino.

    Da tempo consigliere comunale, a lungo presidente del consiglio comunale tavarnellino.

    “Ho il piacere e l’onore di rappresentare la lista Orgoglio Toscano – annuncia Marini – nel collegio di Firenze 2, ovvero Chianti, Mugello, Valdisieve e Valdarno”.

    Si dice “pronto fin da subito a mettere impegno e concretezza nello spirito di collaborazione con tutte le anime della coalizione, per amore del territorio toscano”.

    “Due idee per iniziare – conclude – Un’agricoltura di qualità in un territorio meraviglioso e nel rispetto dell’ambiente. Connessione veloce alla rete in ogni borgo della nostra Toscana”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...