spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle, dopo 43 anni di lavoro in Comune è andata in pensione Alessandra Corti

    Entrò nell'allora Comune di Tavarnelle nel 1978. I colleghi l'hanno salutata oggi con una piccola sorpresa (con tanto di canzone scritta per l'occasione)

    BARBERINO TAVARNELLE – Quella di oggi, venerdì 29 ottobre, sarà una giornata che Alessandra Corti, “storica” dipendente del Comune di Barberino Tavarnelle (prima di Tavarnelle), dimenticherà difficilmente.

    Ha iniziato a lavorare in Comune nel lontanissimo 1978, all’ufficio personale e ragioneria.

    Dai primi anni ’90 ha gestito i tributi, dove ha contribuito alla nascita e avvio dell’ufficio.

    Punto di riferimento non solo per gli utenti, i cittadini, ma anche per i colleghi, ha fatto parte per diversi anni dell’Rsu del Comune di Tavarnelle.

    Sempre pronta a scherzare, a partecipare attivamente a tutte le iniziative: il Comune perde un pezzo davvero importante.

    I colleghi l’hanno salutata oggi con una piccola sorpresa (con tanto di canzone scritta per l’occasione).

    E le augurano un buon riposo, di farsi qualche bella vacanza. E di coltivare i suoi interessi, tra cui il canto (nel coro di Santa Lucia) e il teatro (nella compagnia i Rampanti).

    E di godersi la famiglia e il nipotino Francesco.

    Ad Alessandra un abbraccio e un saluto anche da parte della redazione del Gazzettino del Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...