spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: grande successo delle veglie teatrali di Sergio Berti e Riccardo Casamonti

    Le quattro rappresentazioni allestite negli spazi esterni di Sant'Appiano e Tignano hanno registrato il tutto esaurito

    BARBERINO TAVARNELLE – Noi forse non ne abbiamo memoria ma i nostri genitori (e nonni) sì.

    Andare “a veglia”, ritrovarsi intorno ad un focolare e raccontare storie, condividere, socializzare, accompagnare il cuore della notte regalando sogni, attaccando alle mura di casa parole in libertà, episodi di vita vissute e racconti fantastici… .

    L’incanto del racconto di veglia, espressione della cultura rurale toscana, è tornato ad emozionarci ed è stato un grande successo nel comune di Barberino Tavarnelle.

    In alcuni dei luoghi di grande pregio del territorio, come la Pieve romanica di Sant’Appiano e il Castello di Tignano, ha preso vita un originale progetto culturale firmato da Sergio Berti e Riccardo Casamonti, che ha curato l’adattamento e ne è stato interprete: “Le prime luci dell’alba”, prodotto dalla Pro Loco Barberino Val d’Elsa – Gruppo archeologico Achu.

    Anche in occasione dell’ultimo appuntamento del ciclo di quattro veglie teatrali, patrocinato dal Comune, la suggestiva piazzetta del Castello di Tignano ha registrato il tutto esaurito.

    “Dello spettacolo in forma di veglia – ha dichiarato il sindaco David Baroncelli – sono piaciuti non solo l’allestimento, privo di un palcoscenico e di un sistema di amplificazione, e l’ambientazione in luoghi di grande suggestione ma l’esperienza immersiva concessa al pubblico e la relazione diretta che la mise en éspace ha costruito, rendendo ancora più autentici l’intreccio scenico e l’interpretazione”.

    Il racconto di Sergio Berti e Riccardo Casamonti ha condotto il pubblico alla scoperta di un personaggio ispirato ad una figura realmente esistita e nota alla comunità di Tavarnelle per le sue singolari caratteristiche mediatiche.

    Al centro della veglia Alfio Chiti, un uomo vissuto nell’Italia del dopoguerra, che prova ad affrontare il giorno che sorgerà, il nuovo che avanza.

    Con gli strumenti, gli espedienti e le conoscenze che provengono dal mondo contadino, e che attinge dalle sue personali vocazioni che generano una concezione visionaria e poetica della vita.

    Il testo è stato accompagnato dalle musiche originali di Lapo Consortini.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...