giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    Barberino Tavarnelle: prende il via un servizio anti assembramento. Vigilanti durante le iniziative pubbliche

    Un’azione messa in campo dalla collaborazione tra Comune e Pro Loco per il rispetto delle regole nei luoghi e nelle sedi degli eventi estivi. Si inizia da martedì 11 agosto

    BARBERINO TAVARNELLE – Da domani, martedì 11 agosto, in occasione dell’iniziativa serale “I martedì di Tavarnelle” e di altri eventi che si verificheranno nel corso dell’estate, sarà attivo un servizio di vigilanza, promosso e finanziato dalla Pro Loco in collaborazione con il Comune di Barberino Tavarnelle, volto al controllo degli avventori e al rispetto delle misure anticontagio in linea con le disposizioni governative.

    Una costante presenza dei vigili giurati in piazza Matteotti e per le vie del centro storico di Tavarnelle e di tutti i luoghi in cui sul territorio di Barberino Tavarnelle sono in programma appuntamenti che prevedono un’affluenza da parte del pubblico assicurerà l’applicazione delle normative vigenti in materia di sicurezza quali il distanziamento sociale. E l’utilizzo della mascherina, anche in luoghi esterni.

    Attraverso i volontari e i vigili giurati, incaricati dalla Pro Loco di Tavarnelle, il Comune provvederà alla distribuzione e alla consegna gratuita ai cittadini di mascherine chirurgiche.

    “Ritroviamoci ma facciamolo con responsabilità e rispetto della comunità. Non è il momento di abbassare la guardia”.

    Con queste parole il sindaco David Baroncelli, che ringrazia la Pro Loco per la preziosa collaborazione, lancia un nuovo appello ai cittadini perché continuino ad osservare scrupolosamente le azioni di prevenzione e contrasto al contagio.

    “Siamo felici – riprende il sindaco – di essere tornati a vivere, ad aver compiuto quel fatidico passo al di fuori della clausura necessaria, del lockdown, la nostra quotidianità ha ripreso terreno ed è visibile sotto gli occhi di tutti”.

    “Le nostre biblioteche – aggiunge con orgoglio – i nostri musei, i giardini pubblici, i monumenti del patrimonio storico-artistico di Barberino Tavarnelle, i luoghi della convivialità sono di nuovo fruibili, le famiglie sono tornate a mangiare fuori, le persone più anziane a farsi la piega dal parrucchiere, i bambini a giocare nelle piazze e nei parchi”.

    “Riapertura e ripartenza – rimarca – di una comunità che ha raccolto i frutti di tanti sforzi compiuti nei mesi più duri dell’emergenza, caratterizzati da un alto rischio di contagiosità del Covid19. Il punto è che adesso non possiamo adagiarci o permetterci una disattenzione, come dimostra il fatto che ovunque, come anche nel nostro territorio, la curva è tornata a crescere. L’epidemia è tornata a diffondersi a livello nazionale, accompagnata da un non trascurabile incremento dei casi”.

    La presenza del nuovo caso di contagio a Barberino Tavarnelle, rilevato alcuni giorni fa, spinge il sindaco a far leva ancora una volta sulla necessità di adottare comportamenti anticovid nell’interesse primario della comunità. 

    E si rivolge a cittadini di tutte le età, soprattutto ai più giovani.

    “Abbiamo bisogno gli uni degli altri – dice Baroncelli – della collaborazione di un’intera collettività per provare ad uscire da questo angosciante momento storico in cui il Covid non è affatto debellato. Crediamoci ancora, mostriamo responsabilità civile attraverso il rigoroso rispetto delle regole che ora più che mai è necessario adottare per evitare di ricadere nel buio epidemiologico di cui tutti conosciamo bene gli effetti”.

    “Mostriamo consapevolezza sul senso di comunità e sul valore della convivenza – rilancia – quel bene comune che costruiamo ogni giorno e coltiviamo con pazienza sul terreno della reciprocità. Facciamo in modo che l’obbligo della mascherina e della distanza sociale, fatta di metri, non diventi vuoto culturale ma continui ad essere soluzione e risorsa atta a recuperare quell’ossigeno sanitario e psicologico di cui non possiamo più fare a meno. Ne va della vita e della dignità di tutto il genere umano”.

    Anche Tiberio Corsi, presidente della Pro Loco, pone l’accento sull’importanza del servizio che monitora e previene la formazione di assembramenti di persone.

    “La presenza dei vigilanti – conclude – può aiutarci a ricordare il momento che stiamo vivendo e la fase di graduale e lieve riacutizzazione del contagio di cui occorre tenere massima attenzione”.

    Per domani, in una sorta di “preview” di Ferragosto, l’appuntamento estivo “I Martedì di Tavarnelle” propone una versione anticovid di Calici di Stelle.

    Piazza Matteotti si arricchirà di un momento di degustazione, rispettoso dei protocolli di sicurezza in conformità alle normative del Ministero, con uno stand che espone alcune delle migliori produzioni vitivinicole del territorio.

    Si potrà scegliere tra le etichette di una ventina di aziende locali ed acquistare un calice di vino, simbolo ed esperienza tra le più rinomate nell’area del Chianti Classico.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino