spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    COMO Castello del Nero: “Il bosco dove sono intervenuti i carabinieri forestali non è il nostro”

    Le precisazioni del responsabile agricolo Stefano Panti: "Il bosco dei Chiostrini è di nostra proprietà, ma lì il taglio è stato effettuato con tutte le autorizzazioni"

    BARBERINO TAVARNELLE – In questi giorni, dopo la comunicazione da parte dei carabinieri forestali in merito alle irregolarità nel taglio di un bosco nel comune di Barberino Tavarnelle, in molti hanno pensato che fosse di proprietà di COMO Castello del Nero.

    L’identificazione fatta dagli stessi carabinieri, ovvero “bosco dei Chiostrini”, aveva corroborato questa ipotesi.

    Ma è Stefano Panti, responsabile agricolo di COMO Castello del Nero, a sgombrare il campo da ogni equivoci: “Il bosco dove c’è la sorgente del Chiostrino è di proprietà del Castello del Nero. Ma non è quello in cui è stato effettuato il controllo da parte dei carabinieri forestali”.

    “Noi – prosegue Panti – abbiamo effettuato dei tagli selettivi nel bosco di nostra proprietà, ma abbiamo richiesto alla Città Metropolitana tutti i permessi che servivano. Tanto che ci sono voluti… cinque anni per averli”.

    “Ed è stato fatto – rivendica – un ottimo lavoro ,con prelievo del 25-30% nell’ambito di un bosco ad allevamento ad alto fusto. Taglio che può essere effettuato 365 giorni all’anno. Il taglio ceduo invece prevede prelievi fino all’80-85%”.

    “Abbiamo iniziato prima da una parte – ci spiega ancora Panti – per poi concludere con una seconda. E, come detto, con tutte le autorizzazioni in regola”.

    “Quell’attività dei carabinieri forestali – conclude – non riguarda quindi la nostra proprietà, ovvero il bosco dei Chiostrini. Ma, molto probabilmente, è relativa a due aree chiamate il “bosco dei pallai” e il “bosco delle colonie””.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...