domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    Contro l’ampliamento della Deta e la ciminiera da 60 metri: Comitato e cittadini in piazza a Tavarnelle

    Ecco le voci dalla manifestazione di ieri in piazza Matteotti: "Abbiamo paura che tutto ciò abbia delle ricadute sulla salute, sull’ambiente e sull’economia”

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Tante le persone che ieri pomeriggio (dalle 18.30) si sono riunite in piazza Matteotti (a Tavarnelle) – prima davanti all’Ufficio Informazioni Turistiche e poi di fronte al palazzo comunale – per manifestare contro la Regione Toscana e il Comune di Barberino Tavarnelle.

    E per esprimere il dissenso verso una decisione per loro inaccettabile: l’autorizzazione al raddoppiamento della produzione della Distilleria Deta (da 150 a 300 giorni all’anno), e la costruzione di una ciminiera alta circa 60 metri (quella attuale misura 22 metri).

    A organizzare la manifestazione il Comitato per la Tutela e la Difesa della Val d’Elsa – che vede riuniti i quattro comuni di Barberino Tavarnelle, Poggibonsi, San Gimignano e Certaldo e che è presieduto da Arturo Giolitti – che  si batte ormai da tempo sulla questione.

    E che anche ieri è tornato a far sentire la sua voce, stavolta in piazza. In maniera del tutto pacifica, ma ferma e risoluta.

    Con l’obiettivo di trovare un dialogo con le istituzioni “e soprattutto – sostengono dal Comitato – una soluzione per il benessere fisico ed economico di tutti coloro che popolano la Val d’Elsa (e non solo)”.

    “Su quella vallata – si riferisce all’area intorno alla Distilleria Deta Riccardo Bordoni, che vive e lavora a Poneta, dove affitta degli appartamenti – si affacciano tante aziende agricole e agrituristiche che hanno una forte connotazione nel tessuto economico del territorio”.

    “La nostra è un’azione che va a vantaggio di tutta la comunità – spiega – E’ da due anni che le emissioni sono aumentate a dismisura. Abbiamo paura che tutto ciò abbia delle ricadute sulla salute, sull’ambiente e sull’economia”.

    “Non bisogna considerare soltanto i posti di lavoro che aumenterebbero con l’incrementare della produzione – aggiunge Riccardo Bordoni – Ma anche le conseguenze negative che questo avrebbe su tutto il territorio”.

    “Da quando c’è la nuova gestione (cioè dal 2017) – a parlare a nome dei cittadini è Gioietta Bagaggiolo, che abita nella zona di Treppiè – sentiamo degli odori forti a tal punto che non possiamo aprire le finestre”.

    “Innanzitutto vogliamo sapere cosa esce da quel camino – dice, risoluta – E poi pretendiamo che venga trovata una soluzione, in quanto i prodotti di scarto possono essere eliminati prima di disperdersi nell’aria”.

    “Si parla (giustamente) sempre più di filosofia green e di sostenibilità ambientale – interviene Bordoni – Ciò che stiamo vivendo non è assolutamente compatibile con gli anni 2020”.

    “La distilleria lavora per il proprio tornaconto – riprende la parola Gioietta Bagaggiolo – E noi ci sentiamo abbandonati: il Comune di Barberino Tavarnelle non ha lottato per tenere sotto controllo la situazione”.

    “Abbiamo avuto una serie di incontri con David Baroncelli – prosegue – Ha cercato di tranquillizzarci, ma noi non siamo affatto tranquilli, visto anche quanto successo con la Sr 429 tra Empoli e Castelfiorentino”.

    “Il sindaco deve stare dalla parte dei cittadini – concludono Riccardo e Gioietta – Siamo il popolo. Siamo le attività del territorio”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...