spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Da oggi siamo tutti un po’ più poveri: è morto Marco Borgianni. Artista innamorato della sua terra

    Viveva a Vico d'Elsa, borgo natio sempre amato: ha sempre partecipato con entusiasmo anche alla vita sociale e cultura del territorio

    VICO D’ELSA (BARBERINO TAVARNELLE) – Si è spento oggi, dopo una malattia, Marco Borgianni.

    Viveva a Vico d’Elsa, dove era nato nel 1946: molto legato al territorio, non si è mai fatto pregare per partecipare alla sua vita sociale e, soprattutto culturale.

    In terra Toscana il rapporto con gli antichi, e con i moderni che degli antichi hanno assunto la maestà e lo splendore, è osmotico, ti entra nella pelle per non lasciarti mai più“.

    Questa la frase di apertura sul suo sito web, che racconta (anch’essa) quanto forte fosse il legame con i luoghi di nascita e di vita (qui la sua biografia).

    Nell’ottobre dello scorso anno era intervenuto anche all’inaugurazione del restaurato tabernacolo della Madonna con Bambino nella “sua” Vico d’D’Elsa.

    Nel 2018 l’allora Comune di Barberino Val d’Elsa, in occasione di Terre di Semifonte, ne aveva pubblicamente riconosciuto l’impegno come “scultore e promotore di eventi di alto livello e linguaggi culturali legati al mondo dell’arte contemporanea”.

    Aveva dipinto anche il Drappellone del Palio di Siena (carriera dell’Assunta, quella di agosto) del 1997, vinto dalla contrada della Giraffa.

    “Nelle sculture in ceramica, in bronzo, in marmo che oggi abitano il mondo di Borgianni – ha sottolineato il critico d’arte Nicola Miceli – si può ben individuare la molteplice configurazione del mito arcaico della terra generatrice di vita, e della vita che si dischiude al sole con l’espansione degli organismi naturalmente reattivi alla luce, all’energia che li pervade”.

    Luce che da oggi resisterà al suo addio nell’arte e nel patrimonio che Marco Borgianni ha lasciato.

    # Scomparsa di Marco Borgianni: il ricordo commosso del sindaco di Barberino Tavarnelle David Baroncelli 

    Marco Borgianni davanti al “suo” Drappellone del Palio di Siena

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...