giovedì 21 Gennaio 2021
Altre aree

    Emergenza Coronavirus. Nei mercati settimanali a Barberino Tavarnelle solo generi alimentari

    Si tengono il giovedì a Tavarnelle, il venerdì a San Donato e il sabato a Barberino. A Tavarnelle il mercato sarà disposto esclusivamente in piazza Matteotti

    BARBERINO TAVARNELLE – Da domani, giovedì 19 novembre, i mercati settimanali di Tavarnelle, San Donato in Poggio e Barberino Val d’Elsa saranno limitati alla vendita di soli generi alimentari.

    Secondo quanto previsto dalle misure restrittive contenute nel Dpcm dello scorso 3 novembre, relativo alle aree rosse, i cittadini potranno recarsi per gli acquisti solo presso i banchi che vendono, appunto, generi alimentari.

    Dove? Nei consueti appuntamenti settimanali allestiti il giovedì in piazza Matteotti a Tavarnelle, il venerdì in piazza del Pozzo Nuovo a San Donato e il sabato in piazza Mazzini a Barberino Val d’Elsa. 

    Si precisa che la posizione dei banchi e più in generale l’organizzazione del mercato sono disposte in base ad un piano di adeguamento che tiene conto delle misure di sicurezza e del distanziamento sociale imposte dalla normativa vigente per il contenimento della diffusione del Covid-19. 

    L’apertura dei mercati è circoscritta all’attività di vendita per l’esclusivo settore di generi alimentari.

    A Tavarnelle il mercato sarà disposto esclusivamente in piazza Matteotti senza “sforare” in via Roma.

    Info: Ufficio Relazioni con il Pubblico, 0558050824 – 0558052245.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...