giovedì 2 Luglio 2020
Altre aree

    Filarmonica San Donato in Poggio: “Grazie ai nostri volontari. Noi ci rivediamo a settembre”

    "Abbiamo deciso di non aprire la pizzeria in estate per recuperare il periodo di chiusura forzata. In bocca al lupo agli operatori in questa fase così difficile"

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – “Siamo in prima fila per tutte le iniziative sociali sul territorio e le battaglie sui servizi. Abbiamo sempre fatto la nostra parte e continueremo a farla”.

    Parola del presidente della Filarmonica di San Donato in Poggio, Filippo Ninci, che prende la parola in un momento molto delicato negli equilibri locali nel comune di Barberino Tavarnelle.

    Anche in seguito alla lettera di 28 esercizi fra bar, ristoranti e pizzeria, che hanno pubblicamente ricordato al sindaco David Baroncelli di un recente incontro “concluso con determinate promesse: niente eventi, niente sagre, niente ristorazione gestita dal volontariato per tutto il 2020 e agevolazioni sulle imposte locali”.

    # Bar, ristoranti, pizzerie (28 in tutto) scrivono al sindaco Baroncelli: “Si assuma le sue responsabilità”

    “In questo momento – annuncia Ninci – preferiamo rimandare tutte le nostre attività a settembre facendo un in bocca al lupo a tutti coloro che ogni giorno lavorano”

    “Il nostro – precisa Ninci – non è uno “schierarsi” da nessuna parte. Ma è solo la presa d’atto di una situazione nella quale abbiamo deciso di non aprire, ad esempio, la pizzeria in estate per recuperare il periodo di chiusura forzata di questi ultimi mesi”.

    “A tutti i soci e frequentatori del circolo – conclude Ninci – oltre che a tutti i volontari, do l’appuntamento a settembre. Quando spero che potremo ripartire, in serenità e tranquillità, con tutte le nostre attività: teatro, cinema e pizzeria”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...