spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli studenti delle primarie alla mostra sulle Madri Costituenti: presentati i loro lavori sulle pari opportunità

    L'incontro è avvenuto negli spazi della biblioteca comunale "Alda Merini" di Barberino Tavarnelle

    BARBERINO TAVARNELLE – Un incontro, uno scambio di riflessioni basato sulla dimensione femminile nel corso della storia è stato al centro dell’iniziativa, organizzata dall’assessorato alle pari opportunità del Comune di Barberino Tavarnelle, che si è tenuta negli spazi della biblioteca comunale di Barberino Val d’Elsa.

    L’occasione è stata offerta dalla mostra, curata da Toponomastica femminile, che espone 15 pannelli dedicati alla biografia e alle opere delle 21 donne, scelte fra centinaia, che hanno contribuito alla stesura della Carta Costituzionale della Repubblica Italiana.

    Sono Le Madri costituenti di cui il percorso espositivo narra, lungo i corridoi della Casa della Cultura “Alda Merini”, il prezioso contributo delle donne che hanno fatto nascere la Repubblica Italiana.

    All’iniziativa, introdotta dall’assessora alle par opportunità Marina Baretta, sono intervenute la dirigente scolastica Paola Salvadori, la vicepreside Monica Ciani e Paola Malacarne di Toponomastica femminile.

    I primi visitatori della mostra sono state le ragazze e i ragazzi delle classi quinte F e R delle scuole primarie dell’Istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani”. Accompagnati dalle loro insegnanti, gli studenti hanno esposto i lavori svolti in classe sul tema.

    La quinta R ha presentato una ricerca sulla storia della Costituzione Italiana e sulla prima donna eletta in Senato, Lina Merlin, membra della Costituente.

    La quinta F ha elaborato un approfondimento sulle donne che si sono battute e hanno lottato, mettendo a rischio la loro stessa vita, per la conquista dei diritti umani e l’affermazione dei valori della pace.

    Sono Maria Teresa di Calcutta, Malala Yousafzai e Wangari Muta Maathai tutte e tre insignite del Premio Nobel per la Pace.

    “E’ fondamentale rendere visibile l’operato delle donne ogni giorno dell’anno, non solo in occasione della Giornata internazionale dei Diritti delle Donne – ha commentato la preside Paola Salvadori – dobbiamo avere gli stessi diritti ovunque, in Italia questo percorso è partito con le Madri Costituenti nel 1948, in altre nazioni purtroppo ad oggi non è neanche iniziato, questa è la ragione per cui dobbiamo fermarci tutti a pensare ed avere massimo rispetto del mondo femminile”.

    Diritto allo studio, al lavoro, al voto: le 21 donne si sono battute per emanare leggi importanti.

    E’ stata Paola Malacarne ad illustrare i pannelli della mostra e a presentare Calendaria 2022, curato da Toponomastica, “un progetto triennale – ha spiegato – tradotto in italiano, inglese e francese, che si propone di restituire visibilità quotidiana alle donne che hanno collaborato alla costruzione della società europea”.

    L’iniziativa “Per strade nuove.  Toponomastica femminile e parità di genere”, curata dall’assessora Marina Baretta, prevede un secondo appuntamento, in programma sabato 12 marzo alle ore 10.30, sempre tra gli scaffali della biblioteca “Alda Merini” di Barberino Val d’Elsa.

    “Dopo l’incontro con le ragazze e i ragazzi di cui abbiamo potuto apprezzare l’accuratezza e la profondità dei lavori – ha sottolineato l’assessora Baretta – abbiamo creato un’ulteriore occasione di approfondimento per presentare il progetto messo in atto dall’amministrazione comunale, unico caso in Italia in questo momento storico, che intitolerà a figure femminili che si sono distinte nel corso dei secoli a quindici strade del nostro territorio. Un percorso ambizioso che si propone di colmare il gap della toponomastica dominata dalla presenza maschile e dare voce e spazio ad alcune delle tante donne, più o meno celebri, alle quali è stato negato il diritto di essere riconosciute e valorizzate nel tempo in cui hanno operato”.

    All’evento saranno presenti il sindaco David Baroncelli, la presidente dell’associazione Toponomastica femminile collegata on-line Maria Pia ErcoliniPaola Malacarne dell’associazione Toponomastica femminile, Sara Marsico, docente di Diritto e Relazioni internazionali (in videocollegamento), Paola Salvadori, dirigente scolastica dell’istituto comprensivo Don Milani, Valeria Vantaggi e Daniela Narducci di Vanity Fair.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...