spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comune di Barberino Tavarnelle si illumina di bianco e rosso per la Festa della Toscana

    L'amministrazione comunale vuole ricordare il momento storico che rese la Toscana il primo stato al mondo ad abolire la pena di morte

    BARBERINO TAVARNELLE – Luci bianche e rosse per celebrare la Festa della Toscana a Barberino Tavarnelle.

    Questa sera, a partire dalle ore 18, il Comune accenderà il palazzo comunale di Tavarnelle, in piazza Matteotti, con i colori simbolo della Regione.

    Per ricordare le origini, le radici e i valori di pace, giustizia e libertà che la Toscana si porta dietro da secoli.

    Sin dal 30 novembre del 1786 quando Pietro Leopoldo di Toscana, Duca di Lorena, promulgò una riforma penale in cui, per la prima volta al mondo, si decretava l’abolizione della pena di morte.

    La Festa della Toscana, istituita nel 2000 dal Consiglio Regionale, vuole ricordare questo evento e riaffermare l’impegno per la promozione dei diritti umani, della pace e della giustizia, come elementi costitutivi dell’identità della Toscana.

    “Siamo felici di unirci anche quest’anno al Consiglio regionale della Toscana e al suo presidente Antonio Mazzeo – ha dichiarato il presidente del consiglio comunale Alberto Marini – per celebrare l’istituzione della Festa della Regione Toscana che sottolinea uno dei momenti salienti della nostra storia che culmina con l’atto di civiltà legislativa messo a punto da Pietro Leopoldo”.

    La Festa della Toscana evidenzia il tortuoso percorso compiuto nella storia per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, che ha visto i governatori del passato svolgere un ruolo da protagonisti.

    E quello che poi è seguito, con la proclamazione nel 2000 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

    Che tutela e promuove i diritti e le libertà delle persone e sottolinea la necessità di ribadire, ancora oggi, il diritto di ogni uomo a non essere condannato a morte da altri uomini.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...