spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il “villaggio” di San Martino a Cozzi di nuovo con acqua a singhiozzo: residente esasperati

    "Siamo punto e a capo come in estate. Un giorno l'acqua c'è e uno no. A volte manca per alcune ore. Insomma, non si sa quando la possiamo veder uscire dai rubinetti"

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Il problema ormai si può definire strutturale.

    Nel “villaggio” di San Martino a Cozzi, una quarantina di villette familiari alle porte di San Donato in Poggio, la fornitura di acqua è un problema.

    Prima di tutto per le famiglie, chiamate a fare i salti mortali senza uno dei beni principali per lo svolgimento delle attività quotidiane.

    Era accaduto in estate (lo raccontammo a Ferragosto), e in quel caso la soluzione fu trovata quasi subito.

    # San Donato in Poggio, 40 villette con acqua a singhiozzo: famiglie stremate

    Adesso, fine ottobre, ci risiamo, come si spiega una residente.

    “Siamo punto e a capo – dice – Un giorno l’acqua c’è e uno no. A volte manca per alcune ore. Insomma, non si sa quando la possiamo veder uscire dai rubinetti”.

    E’ evidente che ci siano problematiche strutturali nel rifornimento di questa zona residenziale in piena campagna.

    Ma i residenti, comprensibilmente, adesso sono davvero stanchi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...