spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In pensione due volti “storici” del Comune di Barberino Tavarnelle: Donella Giachetti e Claudio Signorini

    Domani, martedì 31 maggio, sarà il loro ultimo giorno di lavoro: sono stati salutati venerdì scorso dai colleghi e dagli ex colleghi che li hanno già... preceduti

    BARBERINO TAVARNELLE – Domani, martedì 31 maggio, sarà l’ultimo giorno di lavoro per due dipendenti comuali “storici” del Comune di Barberino Tavarnelle (e, prima, del Comune di Tavarnelle).

    Stiamo parlando di Donella Giachetti e Claudio Signorini.

    La festa si è già svolta venerdì scorso. Con tantissimi colleghi arrivati a salutarli.

    E anche qualcuno che ha già percorso la loro “strada”, ovvero quella della pensione, e che è tornato per festeggiarli. E, magari, a raccontare loro… l’effetto che fa.

    Donella è stata assunta nei servizi informatici, unica donna in un settore tutto maschile.

    Ha vissuto la sua esperienza lavorativa con competenza, tanta umanità e disponibilità nei confronti di tutti, cittadini e colleghi.

    Ha affrontato con decisione e professionalità tutte le nuove sfide del settore, prima per il Comune poi per tutta l’Unione Comunale del Chianti Fiorentino.

    Claudio lavora da oltre 40 anni nel settore lavori pubblici e progettazione, con professionalità unica e un pizzico di ironia.

    Venerdì scorso sono stati salutati in biblioteca: con tanta partecipazione, affetto e commozione.

    E con una filastrocca-racconto, che potete leggere qui sotto. A entrambi, buona strada anche da parte della redazione del Gazzettino del Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...