spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’architetto e l’amico falegname: Antonio Aiazzi (dal Brasile) ricorda così Gian Piero Lensi

    La scomparsa dello storico falegname di San Donato in Poggio nelle parole dell'amico: “Il legno per lui era una materia viva alla quale si doveva rispetto”

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – E’ un ricordo che arriva da lontanissimo. Dal Brasile.

    Da dove l’architetto tratteggia il profilo dell’amico falegname. Quel Gian Piero Lensi che si è spento alcuni giorni fa a San Donato in Poggio.

    # Le sue mani sapevano creare: a 87 anni San Donato in Poggio dice addio a Gian Piero Lensi 

    “Piero – lo chiama così Antonio Aiazzi, architetto originario di San Donato in Poggio, che attualmente vive in Brasile – è stato un grande amico per me, fin da quando ero piccolo”.

    “Mi ricordo quando incominciò, ancora ragazzino, a lavorare nella bottega di suo padre Niccolò – la mente ritorna a quei momenti – Passando da lì, si sentiva il rumore delle seghe circolari e il profumo pungente del cipresso tagliato”.

    “Piero, oltre che abile, era meticoloso nel suo straordinario lavoro – dice – Aveva imparato il mestiere dalla scuola della vita. Stava attento, per esempio, con il martello perché… in passato si era schiacciato un dito. E anche perché, lavorando da solo, non poteva permettersi di farsi male”.

    “Era molto bravo nella realizzazione, difficilissima, delle grandi ruote dei carri, completamente in legno, con il cerchione di ferro esterno” prosegue Aiazzi.

    “Oppure – ricorda ancora – delle pale dei mulini ad acqua, del ritrecine e di molte altre cose complicatissime che sarebbero da esporre nei musei”.

    “Il legno per lui era una materia viva alla quale si doveva rispetto”, conclude così Antonio Aiazzi, racchiudendo perfettamente l’essenza dell’artigiano che era Gian Piero Lensi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...