spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le calze per gli ospiti di Montedomini quest’anno sono state “made in Tavarnelle”

    Commissionate dall'ADC (Associazione Dottori Commercialisti) Firenze all'associazione Ci Incontriamo, che si occupa del coinvolgimento di ragazzi disabili in varie attività

    BARBERINO TAVARNELLE – Un meraviglioso gesto di solidarietà a doppio senso quello che l’ADC (Associazione Dottori Commercialisti) Firenze ha fatto in occasione dell’Epifania.

    Commissionando a Ci Incontriamo (associazione di Barberino Tavarnelle che si occupa del coinvolgimento di ragazzi disabili in varie attività) la realizzazione di 80 calze della Befana.

    Che poi sono state regalate agli altrettanti ospiti dell’ASP Montedomini di Firenze.

    Appena ricevuto “l’incarico”, Paolo, Giulia e Silvia – i tre ragazzi che frequentano con entusiasmo il laboratorio di sartoria proposto da Ci Incontriamo – si sono messi subito all’opera. Guidati e supportati dall’esperienza di tre sarte: Irene, Beatrice e Rossella.

    E, utilizzando del tessuto di scarto di un’azienda tessile, hanno dato vita a delle piccole grandi opere d’arte: calze tutte colorate, ognuna diversa dall’altra, con sopra fiocchi, applicazioni, perline… . Riempite poi di caramelle, snack e cioccolatini.

    “Un paio di anni fa abbiamo aperto il laboratorio di sartoria – ci raccontano dall’associazione Ci Incontriamo – di cui siamo molto contenti, perché ci dà la possibilità di creare belle cose”.

    “Ci ha fatto davvero piacere che l’ADC Firenze abbia creduto in noi – proseguono – Motivati dalla fiducia riposta nell’associazione, abbiamo dato il nostro meglio. Con l’auspicio che altri si rivolgano a noi, continuando a stimolarci e a motivarci”.

    “Ricevere richieste come questa ci mette nella condizione di osare – aggiungono – E ci permette di fare delle scoperte: i ragazzi sono ancora più in gamba di quello che pensavamo. E’ fantastica l’energia che si genera nel gruppo mentre è “al lavoro”: c’è chi tiene la stoffa, chi l’ago, chi strappa”.

    “Il progetto non è consistito solo nell’attività manuale, seppur importantissima per i ragazzi – spiegano ancora da Ci Incontriamo – E’ stata l’occasione per un confronto preliminare sul tipo di stoffa e i dolcetti più adeguati alle persone di una certa età. E poi è stato il pretesto per uscire e andare ad acquistare i prodotti”.

    La “Befana” così è passata anche da Montedomini. Regalando sorrisi e inaspettati momenti di dolcezza agli anziani che sono qui ospitati. E che, per un giorno, sono tornati bambini.

    “ADC Firenze, da sempre impegnata nella quotidiana missione di tutela dei propri iscritti – a parlare è il consiglio direttivo – in occasione delle festività di Natale ha deciso di dare un segno concreto di vicinanza a realtà associative che si sono distinte nel settore sanitario e della solidarietà occupandosi delle persone più fragili”.

    “L’impegno di ADC Firenze è continuato in occasione dell’Epifania – dicono ancora da ADC – con un’iniziativa che ha coinvolto l’associazione Ci Incontriamo, commissionando delle calze della Befana che sono poi state donate agli ospiti della Pia Casa Lavoro di Montedomini”.

    “Il presidente di Montedomini Luigi Paccosi, presente alla consegna delle calze, ha ringraziato ADC Firenze – concludono dal consiglio direttivo – per l’attenzione rivolta agli anziani che in questo periodo di emergenza sanitaria sono costretti a vivere le festività in prudenziale, ma certamente triste isolamento”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...