spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Liberati dalla forfora visitando il Centro Tricologico Toscano

    Soluzioni efficaci e durature per il trattamento della forfora che sia grassa o secca: grazie al Protocollo Forfora

    SAMBUCA (BARBERINO TAVARNELLE) – La forfora può risultare fastidiosa e imbarazzante, ma non devi affrontarla da solo!

    Spesso la si collega ad una cattiva igiene, ma non sempre quest’ultima è la causa principale.

    Devi sapere che la forfora ha diverse origini, da un fungo che destabilizza la corretta desquamazione del cuoio capelluto fino alla presenza di stati infiammatori che aumentano l’attività desquamativa del cuoio capelluto.

    In conseguenza a ciò si osservano delle scaglie più o meno evidenti attaccate ai capelli e spesso le si ritrovano sui vestiti minando la nostra immagine.

    Il Centro Tricologico Toscano (via Caravaggio 27,Sambuca, Barberino Tavarnelle) è qui per offrirti soluzioni efficaci e durature per il trattamento della forfora che sia grassa o secca.

    “Grazie al nostro Protocollo Forfora – dicono dal Centro Tricologico Toscano – alla nostra esperienza in merito e ai nostri prodotti personalizzabili, ti aiuteremo a eliminare la forfora e a ristabilire l’equilibrio del tuo cuoio capelluto in pochissimo tempo”.

    Ritrova la tua sicurezza! Contatta il Centro Tricologico Toscano oggi stesso e libera il tuo cuoio capelluto dalla forfora!


    📍 Via Caravaggio 27, Sambuca (Barberino Tavarnelle)

    📞 055820075

    📱💻 www.facebook.com/centrotricologicotoscano

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...