spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 24 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lions Club Barberino Tavarnelle, verso un’annata 2022-2023 di grandissima attività

    All'Hotel Borgo di Cortefreda presentati i "service" previsti nell'annata lionistica: salute, vista, ambiente. E arte, con un grande progetto di artisti sul territorio

    BARBERINO TAVARNELLE – I soci del Lions Club Barberino Tavarnelle, con il loro presidente Paolo Sardelli, si sono ritrovati nella splendida cornice dell’Hotel Borgo di Cortefreda, a Barberino Tavarnelle, in occasione dell’annata Lionistica 2022-2023.

    Dopo il cerimoniale svolto dall’attenta Rita Catarzi Mazzuoli, sono stati presentati gli ospiti invitati con coniuge, partendo dalle cariche Lions: Antonino Poma, Governatore in occasione dei 100 anni del Lions Club Distretto 108 La Toscana, attualmente Referente del Comitato Terzo Settore e Fondazione Distrettuale; Clara Bertelli, Presidente della 1° Circoscrizione che comprende la zona B 6 Lions Club e la Zona A con7 LC di Firenze; Paola Dondoli, Presidente della Zona B, che comprende oltre il LC Barberino Tavarnelle anche LC Certaldo Boccaccio, Empoli Ferruccio Busoni, Le Signe, Vinci; tutte 5 LC rappresentati dai loro Presidenti e Delegati.

    Eryca Gaggelli, giovanissima Vice Presidente del Leo Club Valdelsa Fiorentina Unitas, che ha consegnato il Guidoncino al presidente Paolo Sardelli.

    I Leo Club, lo ricordiamo, potrebbero essere considerati la “palestra”, la scuola per iniziare a condividere partecipativamente missione e scopi Lions, vivendo e respirando l’etica Lions, ma non possono ancora divenirlo. I soci Leo possono avere un’età tra i 12 e 30 anni.

    Presenti inoltre Anna Grassi, in rappresentanza del sindaco David Baroncelli del Comune di Barberino Tavarnelle, Claudio Tongiani presidente Sezione Territoriale Chianti Fiorentino Sud Confindustria e altri amici, l’Officer Distrettuale del Club Sukhwant Singhi Virdi.

    Il presidente Sardelli, dopo i saluti e un breve elenco delle aree tematiche distrettuali Lions, ha passato la parola a Lia Corsi, che ha ricordato l’importante impegno riguardo all’ambiente.

    In particolare sulla zona di Badia a Passignano, dove il Cai che ha mappato una serie di sentieri.

    “Si definisce area naturale protetta di interesse locale – ha detto Lia Corsi- un luogo dove la natura viene protetta integralmente, dove vengono difesi la biodiversità, l’eccezionale varietà di specie animali e vegetali, gli ambienti naturali. L’area protetta si estende per 348 ettari ed è particolarmente importante per le caratteristiche di biodiversità che offre per la varietà di flora e fauna e per la ricchezza della sua avifauna con 63 specie di uccelli censiti. Quest’area deve essere un luogo aperto, fruibile, vissuto, di educazione all’ambiente e nel rispetto della natura”.

    “Da anni – ha ricordato – il Lions Club Barberino Tavarnelle ha realizzato un punto sosta didattico, denominato “Maggiociondolo”, in cui un bell’esemplare di maggiociondolo è stato adottato da tutti i soci, capitanati dal presidente Saredelli, innamorato di Badia a Passignano e ambientalista. Ecco che anche il Sentiero Cai “Anello di Passignano” ha visto l’adesione del Lions al progetto Cai “Adotta un sentiero””.

    Il presidente Paolo Sardelli ha poi illustrato i seguenti “service”, interventi del gruppo.

    Vista, di cui sarà referente il socio Giuseppe Lapini, il cui “service” è dedicato ai cani guida per ciechi, con l’acquisto annuale di uno o due esemplari da consegnare (una volta formati) a persone non vedenti.

    Continuerà anche la “Raccolta occhiali usati”, ampliando i punti di raccolta. Occhiali che dopo le adeguate risistemazioni a cura del Centro Lions Nazionale, saranno inviati nei Paesi poveri.

    Salute: referente il socio Mario Paoli, che seguirà il “service” che tradizionalmente porta i medici in piazza la “Giornata di prevenzione sanitaria gratuita”, che si svolgerà nel mese di maggio in piazza Matteotti, a Tavarnelle.

    Arte e territorio: referente il Maestro Francesco Nesi. Questo dovrebbe essere il “service” principe dell’annata, che vuole rappresentare un “Percorso d’Arte” con gigantografie di opere donate da artisti del territorio.

    Sarà un “service” pluriennale, che in quest’anno metterà le prime istallazioni per proseguire anno dopo anno, fino a raggiungere il numero di dodici istallazioni.

    “Per questo – ha sottolineato il presidente Sardelli – c’è bisogno di contributi e sponsor. Per quest’annata ci sono stati di grande aiuto Francesco Paolino e il socio Francesco Fusi“.

    Proseguirà inoltre la cura delle Cappelle dedicate a San Giovanni Gualberto.

    Giovani e scuola: referente per i contatti Lia Corsi. Per quanto riguarda l’Istituto Comprensivo “Il Passignano”, si attende l’incontro con la dirigente scolastica appena insediata, pronti per ripartire con docenti e studenti per il consueto “Concorso Lions International Poster della Pace, interconnettiamoci… ma con la testa”.

    “Saranno mantenuti tutti gli impegni e occasioni storicizzate – ha precisato ancora Sardelli – Naturalmente, oltre ad esserci un referente, tutti i Soci collaboreranno in tutte le attività in base alla loro professionalità, esperienze e al tempo di cui hanno disponibilità”.

    Un elogio particolare è arrivato da Antonino Poma, Referente Terzo Settore e Fondazione Distrettuale, che ha messo in evidenza l’ottima pratica del Lions Club Barberino Tavarnelle nella realizzazione di importanti progetti pluriennali e l’amicizia che li lega da molti anni.

    Il suono della campana da parte del presidente Paolo Sardelli ha chiuso la bella serata. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...