spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel Giardino SottoVico si parla anche di libri: sabato 20 aprile secondo appuntamento di “Letture al Giardino”

    Dalle 16 Lorella Carli dialogherà con Walter Vettori, scrittore sangimignanese: che partendo da un romanzo autobiografico è arrivato a scrivere una trilogia di gialli

    VICO D’ELSA (BARBERINO TAVARNELLE) – Si chiama “Letture al Giardino”, ed è una nuova iniziativa proposta dal sempre attivissimo Giardino SottoVico, a Vico d’Elsa.

    Dove l’idea è di organizzare, una volta al mese, la presentazione di libri di autori e autrici, locali e non.

    “Siamo partiti a marzo – fanno sapere – con la presentazione del libro di Fabrizio Fabiani “Prima che il giorno sappia di esistere. Storie da Gongo”. Una serata interessante ed emozionante dove l’autore, attraverso alcuni personaggi congolesi, ci ha raccontato non solo la sua esperienza da missionario laico, ma anche il dramma e la povertà vissuta dalla gente”.

    Domani, sabato 20 aprile, ci sarà la presentazione dei libri di Walter Vettori, scrittore sangimignanese che, partendo da un primo romanzo autobiografico dove racconta anche la San Gimignano degli anni ’60/70/80, è approdato a scrivere due gialli.

    Anch’essi ambientati a San Gimignano, faranno parte di una trilogia: infatti il terzo giallo uscirà a giugno.

    Avremmo il piacere di avere con noi il sindaco di Barberino Tavarnelle, David Baroncelli, già presente anche alla prima presentazione, e il sindaco di San Gimignano Andrea Marrucci.

    Dialogherà con l’autore, Lorella Carli. Appuntamento alle 16, ingresso libero.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...