mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Protocollo d’intesa sulla distilleria Deta, l’appello del comitato ai Comuni: “Non firmatelo”

    "Dobbiamo avere il tempo di condurre le nostre valutazioni. Senza le pressioni di un grande gruppo che sta prepotentemente entrando in un territorio senza rispettarlo e senza rispettare i suoi cittadini"

    BARBERINO TAVARNELLE – La soddisfazione con la quale le amministrazioni comunali coinvolte (in primis quella di Barberino Tavarnelle) hanno presentato la strutturazione del protocollo d’intesa sull’ampliamento delle attività della distilleria Deta, fa “a cazzotti” con la posizione espressa dal Comitato tutela e difesa della Val d’Elsa.

    # Definiti i contenuti del protocollo di intesa sulla distilleria Deta. I sindaci: “Atto ulteriore e più forte”

    Una posizione espressa sia durante l’incontro online andato in scena nei giorni scorsi, in cui cittadini e imprenditori sono tornati a criticare in modo assoluto la scelta.

    Sia in una breve nota. Poche righe in cui tornano a mettere in chiaro tutta l’opposizione a questa decisione.

    “Purtroppo – scrive il Comitato sui suoi canali social – i termini di questo protocollo calpestano completamente le richieste di rallentare i tempi del progetto da parte del Comitato”.

    “Calpestano – accusano – le preoccupazioni del comitato e calpestano il diritto di ricevere informazioni più precise della cittadinanza”.

    “Quali saranno i volumi di lavorazione in futuro? – domandano – Il modello diffusionale, utilizzato in maniera superficiale da Arpat Toscana,riuscirà a prevedere quello che succederà?”.

    “Queste domande – rincarano – e tante altre ancora rimangono senza risposta”.

    “Chiediamo che il protocollo non venga firmato – conclude il Comitato – per poter avere il tempo di condurre le nostre valutazioni. Senza le pressioni di un grande gruppo che sta prepotentemente entrando in un territorio senza rispettarlo e senza rispettare i suoi cittadini”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...