spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    SCE: “Deta, serve una migliore, continua e tempestiva attività di monitoraggio e comunicazione”

    "Nei dieci giorni di riapertura concessi all’azienda da Arpat nel mese di giugno, per quanto riguarda le sostanze odorigene, i miglioramenti non si sono visti"

    BARBERINO TAVARNELLE – Si distanzia sempre di più dal percorso dell’amministrazione comunale, nel quale al momento è sempre in maggioranza, la visione di Sinistra Civica Ecologista, a Barberino Tavarnelle, sul tema della distilleria Deta.

    “I dati pubblicati da Arpat nel mese di giugno – inizia SCE – hanno evidenziato una forte e certificata criticità delle emissioni odorigene, avvenuta continuativamente dal mese di ottobre 2021 fino a marzo 2022, durante la quale si sono registrati picchi oltre il triplo del valore limite consentito”.

    “Questa pesante situazione – riprendono – ha portato, nel mese di aprile scorso, come noto, ad un provvedimento di diffida da parte degli enti competenti a carico della distilleria”.

    “Prendiamo atto – proseguono – dell’attuale miglioramento riguardante le emissioni per i valori di Nox, PM10, COT, grazie all’installazione del nuovo elettrofiltro, ma riteniamo doveroso aggiungere, che nei dieci giorni di riapertura concessi all’azienda da Arpat nel mese di giugno, per quanto riguarda le sostanze odorigene, i miglioramenti non si sono visti, e le segnalazioni da parte dei residenti del territorio non si sono fatte attendere”.

    “Riteniamo utile – incalzano – una migliore, continua e più tempestiva condivisione degli esiti della campagna di monitoraggio anche a fronte delle ultime prescrizioni e proposte rilasciate da Arpat sulla necessità di ulteriori misure da adottare sul piano autorizzativo”.

    “Al riguardo e in un’ottica partecipativa – prosegue SCE Barberino Tavarnelle – suggeriamo all’amministrazione comunale di potersi avvalere, come già avvenuto in passato, dell’organizzazione di specifiche commissioni consiliari aperte, informative e di aggiornamento”.

    “Riteniamo inoltre – rilanciano – che le attuali metodiche di monitoraggio, dovrebbero essere accompagnate da un potenziamento, e dalla dotazione di nuove apparecchiature e strumenti di rilevazione e misurazione dei parametri odorigeni, da parte dei principali soggetti e istituzioni coinvolte, in modo da poter costruire e sviluppare un modello di sistema, una buona pratica che può essere applicata non solo a livello locale ma su tutto il territorio regionale”.

    “Del resto – ricordano – il Protocollo di Intesa approvato dai Sindaci (Barberino Tavarnelle, San Gimignano, Poggibonsi e Certaldo) e Regione Toscana, coinvolgeva appunto l’Osservatorio Polifunzionale del Chianti”.

    “Gli stimoli giunti dalla comunità – concludono – sono stati fondamentali per chiedere e proporre soluzioni sostenibili per l’ambiente e la salute dei cittadini. La sinergia tra istituzioni e cittadini è un elemento essenziale per poter conseguire obiettivi strategici in direzione di una vera e diffusa riconversione ecologica delle attività produttive presenti nel nostro territorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...