spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Serena Fedi, ha rassegnato le dimissioni come assessora di Barberino Tavarnelle

    Il sindaco David Baroncelli ringrazia l'assessora "per l’impegno profuso ed esprime la propria gratitudine per il validissimo contributo apportato in questi anni"

    BARBERINO TAVARNELLE – Serena Fedi, amministratrice comunale insediata da circa due anni nella giunta Baroncelli, ha rassegnato le dimissioni come assessora alle Politiche ambientali e alla mobilità per motivi familiari.

    La scelta dell’assessora è dipesa dalla decisione di un trasferimento necessario alle modificate esigenze professionali del marito.

    “Nel ringraziare per questa bellissima opportunità – ha dichiarato l’assessora Serena Fedi – che ho condiviso in un primo momento con l’amministrazione comunale dell’allora Comune di Barberino Val d’Elsa, poi al fianco del sindaco David Baroncelli, nel comune unico di Barberino Tavarnelle, voglio ringraziare i miei compagni di viaggio, in particolare il sindaco David Baroncelli”.

    “A lui, alla giunta, ai consiglieri comunali – prosegue – auguro di continuare a realizzare i diversi progetti messi in campo nel programma del mandato elettorale, puntando sull’interesse esclusivo della comunità, ciò che auspico è che le tante iniziative elaborate possano trovare espressione e compimento, frutto di un lavoro giornaliero e collettivo”.

    “Trovo che questa sia un’esperienza tra le più formative, utile a comprendere funzioni e ruoli della vita pubblica, un’occasione che dovrebbe far parte del patrimonio di conoscenza di ogni cittadina e cittadino”.

    “In questi anni – ha precisato Fedi – ho potuto conoscere le qualità di David Baroncelli e mi sono sentita onorata di lavorare con lui. Ho potuto apprezzare il suo profondo senso di responsabilità per la vita della comunità, l’impegno totalizzante, vissuto come una mission, nel governare la cosa pubblica con rispetto e consapevolezza, ispirato dai principi della Carta costituzionale”.

    “Un territorio che gestisce come fosse casa sua, con l’amore di un padre, la sensibilità e la competenza di un educatore, il senso di gratitudine e la consapevolezza di un cittadino che riconosce pregi e difetti del luogo in cui vive. Competenza e passione politica lo hanno guidato anche nella scelta dei colleghi assessori che per me sono stati importanti punti di riferimento”.

    “Ringrazio di cuore – ha concluso Fedi – anche i dipendenti comunali che mi hanno affiancato in questi anni di mandato”.

    Il sindaco David Baroncelli ringrazia l’assessore “per l’impegno profuso ed esprime la propria gratitudine per il validissimo contributo apportato in questi anni quale “persona di straordinario valore umano, stimolante e propositiva, che non si è mai risparmiata, nonostante gli impegni professionali, nel dare il proprio qualificato supporto nelle tante attività”.

    “Tutti progetti e azioni – dice ancora Baroncelli – che hanno interessato non solo le sue deleghe ma più in generale la gestione amministrativa del territorio comunale nei diversi aspetti che competono l’azione di governo di un ente locale”.

    “Di Serena – conclude il sindaco – ho potuto apprezzare l’alta competenza tecnico-scientifica che ha messo la servizio della comunità, la serietà, il rigore morale ed etico con i quali ha affrontato il mandato, arricchendolo e sostanziandolo di contenuti e proposte. Le deleghe dell’assessora sono state assunte dal sindaco”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...