martedì 24 Novembre 2020
Altre aree

    Rimessa agricola in fiamme fra Morrocco e San Donato in Poggio: distrutti auto e mezzi agricoli

    A rendere difficoltose le operazioni dei vigili del fuoco la presenza di vento e la necessità di evitare lo scoppio di alcune bombole di gas presenti sul posto

    MORROCCO-SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Mancava poco alle 14 di oggi, lunedì 26 ottobre, quando una colonna nera di fumo è stata notata levarsi in cielo lungo la Strada Provinciale 101, poco distante dalla Strada del Morrocco che porta a delle abitazioni e allo svincolo dell’Autopalio di San Donato in Poggio.

    All’inizio si pensava potesse bruciare il bosco, ma ben presto si è capito che a prendere fuoco era una rimessa agricola.

    I primi ad arrivare sono stati gli agenti della polizia stradale, che hanno immediatamente allertato i vigili del fuoco.

    Sul posto sono state inviate le squadre di Poggibonsi, San Casciano e Firenze. Il fuoco, alimentato anche dal vento, ben presto ha attaccato mezzi agricoli e auto.

    Ma il timore più grande era che scoppiassero delle bombole del gas, stipate in un capanno.

    Sul posto anche la polizia locale di Barberino Tavarnelle, per dirigere il traffico, che non ha subito particolari rallentamenti visto anche l’ora.

    L’impegno messo in campo dai vigili del fuoco ha fatto sì che le bombole non esplodessero, ma domato l’incendio si sono contati i danni: un trattore distrutto così come un camper e un furgone.

    Al momento non sappiamo cosa può avere sviluppato l’incendio, saranno i vigili del fuoco a stabilirne le cause. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...