spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Unica data italiana: venerdì 9 settembre Nada, Ginevra Di Marco e Angela Baraldi in piazza a Tavarnelle

    Un palcoscenico per tre nella prima assoluta "Stazioni Lunari": proporranno il loro repertorio e alcuni dei più importanti brani della canzone autoriale italiana

    BARBERINO TAVARNELLE – Il Chianti fiorentino si fa palcoscenico naturale e stazione musicale, vibrante di note sotto i riflessi del cielo e le suggestioni degli echi “lunari”.

    Un concerto, unico nel suo genere, che costruisce emozioni attraverso il confronto, l’interazione e la commistione tra artisti e registri musicali differenti.

    “Stazioni Lunari”, progetto itinerante nato da un’idea di Francesco Magnelli, pianista, compositore e arrangiatore, approda al suo diciannovesimo anno di spettacolo, costituito da una avvolgente miscela di teatro e musica, con un’unica data italiana e una prima assoluta in programma venerdì 9 settembre alle ore 21 in piazza Matteotti a Tavarnelle.

    Lo spettacolo, quarto e ultimo appuntamento della rassegna musicale “Stelle nei Borghi”, promossa dal Comune di Barberino Tavarnelle in collaborazione con il Balletto di Toscana, vede protagoniste tre grandi interpreti della canzone autoriale italiana. 

    Nada, Ginevra Di Marco e Angela Baraldi, tre stelle, un unico microfono, una voce corale che si declina, si moltiplica e si esprime nel talento del terzetto tutto al femminile, accompagnato per la prima volta dalle sonorità della musica classica, eseguite dal Quartetto d’archi Ella.

    La serata è diretta artisticamente da Francesco Magnelli che per la realizzazione del progetto, avviato nel 2004, si avvale della collaborazione dell’arrangiatore Andrea Salvadori.

    Dall’altalena musicale in cui ognuna delle autrici, dalla propria stazione lunare, dalla propria isola artistica, comunicherà cantando e ascoltando contemporaneamente, emergerà un’unica anima.

    Quella di Nada, Ginevra Di Marco e Angela Baraldi che intoneranno brani del proprio repertorio e di altri celebri cantautori come Luigi Tenco e Lucia Dalla.

    “L’obiettivo del progetto “Stazioni Lunari” è quello di mettere in campo una squadra – spiega l’ideatore Francesco Magnelli – una relazione di voci e timbri, anche diversi fra loro, in cui gli artisti si intrecciano con equilibrio, creano un ponte, condividono un’esperienza che nasce e cresce in quel dato momento, offrono al pubblico la propria interpretazione che scaturisce dall’ascolto delle altre”.

    Tra gli ospiti illustri che nel corso degli anni si sono alternati sul palcoscenico di “Stazioni Lunari” Piero Pelù, Max Gazzè, Beppe Servillo, Cristina Donà, Negrita, Simone Cristicchi, Teresa De Sio, Bobo Rondelli.

    Il concerto sarà arricchito dalla presenza del Quartetto d’archi Ella, costituito da Angela Tomei ed Emma lanza al violino, Luna Michele alla viola e Laura Gorkoff al violoncello.

    Come nelle altre serate della rassegna, anche quest’ultimo spettacolo sarà introdotto dal balletto Endiatri Tèchne, produzione NBDT/Stazione Utopia di Beatrice Poggini e Niccolò Poggini con le danzatrici Sofia Bonetti, Rita Carrara, Francesca Chiesa, Enrica Cornacchia, Rebecca Intermite, Beatrice Ranieri, Marta Terranova.

    Ingresso libero. Info: cultura@barberinotavarnelle.it – 0558052369.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...