spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / Metti un sabato sera… che incontri un lupo davanti alla farmacia di Barberino Val d’Elsa

    Mezzanotte passata da pochi minuti ed ecco spuntare questo splendido esemplare proprio davanti all'area commerciale in paese

    BARBERINO TAVARNELLE – Ormai lo sappiamo bene. La presenza di lupi anche nel territorio del Chianti fiorentino è una costante.

    E lo è sia in contesti di bosco, campi, più “selvaggi” diciamo.

    Ma anche in zone urbanizzate, fin dentro ai paesi e intorno alle abitazioni.

    Molte le segnalazioni che arrivano costantemente in redazione, delle quali spesso ormai non diamo neanche pubblicamente conto.

    Anche di animali (in particolare caprioli) predati, i cui resti indicano chiaramente il consumo da parte di lupi.

    Quella che ci è arrivata stanotte però è abbastanza singolare e particolare.

    Poiché, come potete vedere nei quattro secondi di video che è riuscita a girare la nostra lettrice, siamo davvero in contesto iper urbanizzato.

    Siamo infatti lungo la via Cassia, nel paese di Barberino Val d’Elsa.

    Nel dettaglio è appena passata la mezzanotte di sabato 17 dicembre, e davanti all’area commerciale dove si trovano, fra le altre attività, un ristorante, la farmacia, una panetteria, ecco il passaggio di questo splendido esemplare.

    Tutto intorno, nelle immediate vicinanze, si apre comunque la campagna.

    E molti sono i vigneti, che per il lupo sono terreno di caccia, in particolare per i caprioli.

    Lupi nei contesti urbanizzati: i consigli dell’esperto su cani e gatti. E su cibo e rifiuti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...