spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Signori etruschi del Chianti”: domenica apre la mostra al Museo Archeologico del Chianti senese

    La mostra raccoglie corredi funebri etruschi provenienti da tombe aristocratiche, comprese tra età orientalizzante e arcaica (fine VIII-VI secolo a.C.)

    CASTELLINA IN CHIANTI – Al Museo Archeologico del Chianti senese di Castellina in Chianti si inaugura la mostra “Signori etruschi del Chianti”: domenica 11 luglio alle 18.

    La mostra raccoglie corredi funebri etruschi provenienti da tombe aristocratiche, comprese tra età orientalizzante e arcaica (fine VIII-VI secolo a.C.).

    Recuperati in scavi archeologici, anche recentissimi, i materiali illustrano abitudini e contatti culturali che caratterizzarono i signori del Chianti in età etrusca.

    Sono presentati per la prima volta al pubblico oggetti dalla necropoli di Bosco Le Pici, ricca e lungamente utilizzata, dalla tomba a camera di Macialla e dalla necropoli di Casa Rosa al Taglio, alle porte di Castellina.

    Questi ultimi rappresentano anche la rapida traduzione di un impegno della comunità locale a favore della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale, perché lo scavo è stato condotto tra 2017 e 2018 in concessione al Comune di Castellina in Chianti in collaborazione con l’Università di Siena.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...