spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: convezione per aprire al pubblico la Torre dell’Orologio

    Fra Comune e Associazione Filarmonico Drammatica. L'atto garantisce l'apertura al pubblico dello storico monumento nel centro storico castelnovino

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Il Comune di Castelnuovo Berardenga e la locale Associazione Filarmonico Drammatica hanno firmato una convezione per garantire l’apertura al pubblico della Torre dell’Orologio, monumento del centro storico castelnovino.

    Grazie a questo atto, reso possibile dalla collaborazione fra amministrazione comunale e associazioni del territorio, turisti e cittadini possono visitare da alcune settimane la Torre dell’Orologio, aperta il sabato e la domenica, dalle ore 10 alle 12.30 e dalle ore 16 alle 19.

    L’ingresso è gratuito, nel rispetto delle norme anticontagio previste dal Decreto-legge n.105 del 23 luglio 2021, ed è consentito fino a un massimo di sei persone alla volta con prenotazione obbligatoria al numero 3339513833.

    Nelle prime settimane l’iniziativa, partita lo scorso 28 agosto, ha registrato oltre 200 ingressi.

    La Torre dell’orologio o “torre civica dell’orologio” di Castelnuovo Berardenga fu una delle sette torri costruite come parte del sistema difensivo del borgo.

    Alla fine del XVIII secolo, dopo aver perso ogni funzione di difesa, le mura e le torri vennero definitivamente abbattute per far posto alla costruzione del complesso della Villa Chigi Saracini.

    L’unica ad essere risparmiata fu l’attuale Torre dell’orologio, trasformata in torre civica, dove fu collocato nel 1763 il primo orologio e nel 1896 quello ancora presente.

    Dall’alto della torre, oggi restaurata, è possibile ammirare il panorama che va dalle Crete al Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...