spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “L’Orto Felice, a Castelnuovo Berardenga: un’oasi di pace con gli ortaggi un po’ in ritardo…”

    "La stagione bislacca non permette alle piante dell’orto di crescere e svilupparsi come si conviene a questo periodo dell’anno. Ma... che rose quest'anno"

    L’Orto Felice, sorgente di rose, ortaggi e quiete.

    La stagione bislacca non permette alle piante dell’orto di crescere e svilupparsi come si conviene a questo periodo dell’anno.

    Le zucche sono ferme, inermi, ravvivate solo da qualche fiore, i pomodori stentano, le altre colleghe piante attendono il sole.

    Godono di questo clima fresco e piovoso le rose, che a cascata scivolano dalle pergole e ravvivano l’interno e l’esterno dell’orto, tanto che i ragazzi raccolgono i petali per qualche idea di trasformazione.

    Gennaro (lo storico asino) ha finalmente trovato una compagnia da par suo, con un docile ciuchino sardo, di piccole dimensioni e tanto pepe addosso.

    Per chi ha voglia di assaporare cosa sia la fragranza serve venire all’Orto Felice di San Felice (vicino a Castelnuovo Berardenga) dove le varie fioriture unite a quelle di viti e ulivi, rende il luogo ancora più sinonimo di una purezza sempre più rara a trovarsi.

    L’Orto Felice nasce nel 2012 come progetto per l’inclusione sociale promosso dall’Associazione Umana Mente e dall’Agricola San Felice con la partecipazione di alcuni pensionati avvezzi all’uso di vanghe e zappini.

    Fornisce ortaggi ai ristoranti di San Felice, ai dipendenti, a chi passa per un saluto e ciò permette di vedere i ragazzi all’opera in simbiosi purissima nella campagna.

    Giovanni (non pago di fare il volontario con la Misericordia) vernicia con passione i cancelli mentre Antonella, Marco, Giovanna e Giulia sono professionisti di arti diverse, tutti dediti a rendere il mondo migliore…

    Andrea Pagliantini

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...