spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lotta agli incivili: a Castelnuovo Berardenga nel 2022 oltre 100 multe a chi abbandona rifiuti

    Le telecamere E-Killer si confermano uno strumento importante per contrastare l’abbandono indiscriminato, tutelare l’ambiente e il decoro urbano

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Con oltre 100 sanzioni effettuate nel 2022 dagli ispettori ambientali di Sei Toscana sul territorio comunale, le telecamere E-Killer installate a Castelnuovo Berardenga si confermano uno strumento importante per contrastare l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e tutelare l’ambiente e il decoro urbano.

    Le attrezzature sono state installate nel mese di aprile 2022 in zone diverse del territorio castelnovino.

    Rafforzano le fototrappole già presenti presso postazioni per la raccolta differenziata, con un rilevamento degli abbandoni di rifiuti ingombranti e pericolosi e di ogni azione non conforme al corretto conferimento.

    Le immagini registrate vengono trasferite in tempo reale alla polizia municipale e agli ispettori ambientali di Sei Toscana e gestite, nel rispetto delle norme sulla privacy, per l’elevazione delle sanzioni previste dalla normativa vigente.

    “Le registrazioni delle telecamere E-Killer e le conseguenti sanzioni elevate dagli ispettori ambientali di Sei Toscana – afferma Alessandro Maggi, vicesindaco e assessore all’ambiente di Castelnuovo Berardenga – mettono in evidenza una mancanza di civiltà e un totale disinteresse per l’ambiente, la comunità e le numerose opportunità a disposizione dei cittadini per il corretto conferimento delle diverse tipologie di rifiuto”.

    “La nostra amministrazione comunale – puntualizza – impegnata da anni sull’educazione ambientale, intende contrastare in maniera crescente questi atteggiamenti, che rischiano di vanificare i comportamenti virtuosi della stragrande maggioranza dei cittadini con ricadute economiche su tutta la comunità per i costi del conferimento non corretto e per le maggiori difficoltà nel raggiungimento degli obiettivi fissati dalle normative sulla raccolta differenziata”.

    “Le sanzioni – aggiunge Maggi – sono state elevate contro persone che lasciano i propri rifiuti a terra senza curarsi di verificare il funzionamento delle apparecchiature. In questi casi, è improprio far ricadere la responsabilità sul soggetto gestore che ha, tuttavia, il compito di garantire sempre il corretto funzionamento delle attrezzature”.

    “Per questo motivo – fa sapere – abbiamo chiesto a Sei Toscana una revisione di tutti i cassonetti presenti sul territorio di Castelnuovo Berardenga, viste le numerose segnalazioni di malfunzionamenti e di danneggiamenti, per evitare l’accumulo di rifiuti fuori dalle postazioni”.

    “Rimane valido – conclude Maggi – l’invito a usare i cassonetti presenti in zone diverse se i primi che si raggiungono sono già pieni, soprattutto per le persone che si spostano in auto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...