spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scuola “Papini”: si avvicina l’apertura dopo la riqualificazione di tutto l’edificio

    Il sindaco Nepi: "Intervento articolato e complesso per restituire alla comunità una struttura moderna e sicura"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Si avvia a conclusione l’articolato intervento di riqualificazione, efficientamento energetico e adeguamento sismico e funzionale della scuola secondaria di primo grado “G. Papini” di Castelnuovo Berardenga avviato nell’aprile 2021.

    Ieri, giovedì 10 agosto, il sindaco e il vicesindaco, Fabrizio Nepi e Alessandro Maggi, hanno effettuato un sopralluogo insieme ai responsabili della direzione dei lavori, dell’impresa e degli uffici comunali coinvolti per vedere lo stato dell’opera, giunta alla fase di completamento.

    Il taglio del nastro è previsto entro il mese di novembre, sulla base di un percorso condiviso fra amministrazione comunale e dirigenza scolastica per consentire di raccogliere tutta la documentazione tecnica relativa alla certificazione energetica, antisismica e di prevenzione incendi dell’immobile e di trasferire le attrezzature didattiche in modo programmato e funzionale.

    L’opera conta su un investimento complessivo di 2,3 milioni di euro sostenuto per circa 1,3 milioni di euro da finanziamenti del POR CreO FESR 2014-20 della Regione Toscana, dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, dal Ministero dell’Interno – Fondi Next Generation EU – PNRR e dal GSE Conto Termico 2.0, Gestore Servizi Energetici, che hanno premiato la qualità del progetto.

    Il noleggio della scuola modulare provvisoria, che ha ospitato i ragazzi e la segreteria per tutto il periodo dei lavori, è stato sostenuto dai fondi per l’emergenza scolastica della Regione Toscana, con una copertura complessiva pari a circa l’80 per cento delle spese.

    L’efficientamento energetico

    I lavori sono iniziati nell’aprile del 2021, a conclusione della progettazione necessariamente integrata con quella sismica, strutturale, edilizia e impiantistica dell’edificio per restituire alla comunità scolastica una struttura moderna, sicura e attenta all’ambiente.

    Gli interventi hanno portato all’installazione di nuovi infissi altamente performanti e alla realizzazione del nuovo impianto termico con un generatore di calore ad alta efficienza, del cappotto termico esterno e di un impianto elettrico e di illuminazione interna ed esterna a led.

    L’adeguamento antisismico e antincendio

    Il progetto ha previsto l’adeguamento della struttura alle normative antisismiche e antincendio e la realizzazione di una riqualificazione edilizia interna ed esterna.

    Gli interventi, in particolare, hanno portato all’installazione di scale esterne in metallo per l’evacuazione dai piani più alti in caso di pericolo, alla realizzazione di un collegamento pedonale in sicurezza fra la scuola e la palestra e di nuovi collegamenti alle fogne bianche e nere e all’adeguamento statico dell’immobile, con particolare attenzione agli elementi strutturali travi-pilastro e solai.

    I lavori hanno permesso anche la realizzazione di una nuova pavimentazione, delle porte interne e dei servizi igienici, oltre al miglioramento dell’accesso esterno abbattendo le barriere architettoniche e garantendo maggiore sicurezza per l’entrata degli alunni, sia pedonale che con gli scuolabus.

    Il progetto, inoltre, comprende la sistemazione e la rigenerazione del verde esistente, mettendo a disposizione di alunni e docenti altri spazi da dedicare all’attività didattica e a momenti di svago.

    “L’amministrazione comunale di Castelnuovo Berardenga – afferma il sindaco, Fabrizio Nepi – ha sempre pensato che la scuola sia un bene primario della nostra comunità, perché è il luogo dove i nostri bambini e ragazzi crescono e si formano. Ecco perché abbiamo sostenuto molti interventi sul fronte dell’edilizia scolastica, dove la riqualificazione e l’efficientamento energetico, sismico, strutturale e funzionale della scuola “Papini” rappresentano sicuramente l’opera più importante degli ultimi anni”.

    “Siamo intervenuti su un edificio realizzato negli anni ’70 – aggiunge Nepi – e presto restituiremo alla comunità una struttura moderna, accogliente e sicura anche dal punto di vista sismico. Il nuovo edificio, inoltre, sarà più rispettoso dell’ambiente ed economicamente meno dispendioso, grazie alla sua ottima classe energetica finale, e sarà anche più funzionale per le attività didattiche con spazi e arredi più moderni ed efficienti. Il taglio del nastro avverrà entro il mese di novembre salvo imprevisti legati all’arrivo dei materiali, problematica che sta interessando anche il settore dell’edilizia”.

    “Grazie a un complesso e impegnativo lavoro di squadra sui finanziamenti pubblici e alla qualità del progetto presentato – ricorda ancora il primo cittadino di Castelnuovo Berardenga – siamo riusciti a intercettare contributi esterni pari a circa il 60 per cento dell’importo complessivo dei lavori, che hanno ridotto l’impiego di risorse proprie del Comune e permesso una migliore gestione economica”.

    “Il nostro progetto, inoltre – conclude – sarà uno dei primi interventi in Italia che rendiconterà i finanziamenti messi a disposizione dal Pnrr e questo consolida la qualità del lavoro svolto da tutta l’amministrazione comunale. Un ringraziamento va anche alla dirigenza scolastica, che in questi anni ha collaborato con il Comune e organizzato le attività quotidiane nella struttura provvisoria garantendo sempre agli utenti la continuità scolastica”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...