spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Influenza, da sindaci e medici di famiglia invito alla cittadinanza a vaccinarsi

    Copertura ancora troppo bassa, inferiore al 50%. Nell'ultima settimana colpiti circa 145mila italiani

    CHIANTI FIORENTINO – Comincia la scalata dell'influenza stagionale e la Conferenza dei sindaci della Zona fiorentina sud-est insieme ai medici di medicina generale lanciano un appello alla prevenzione con l'invito alla cittadinanza a vaccinarsi.

     

    La copertura vaccinale nei Comuni dell'area risulta ancora bassa, inferiore al 50% della popolazione a rischio. E non deve essere sottovalutata l'eventualità di complicanze derivanti dall'influenza soprattutto per ciò che riguarda i soggetti più fragili, anziani o persone con patologie a rischio o croniche.

     

    “I dati della rete Influnet, coordinata dall'Istituto superiore di sanità con il sostegno del ministero della salute parlano di una escalation dell'influenza – dice il sindaco di Bagno a Ripoli e presidente della Conferenza dei sindaci Francesco Casini – La scorsa settimana circa 145mila italiani sono stati messi a letto dall'influenza, 600mila in totale dall'inizio del monitoraggio. Il picco è atteso tra fine anno e l'inizio di gennaio ed è importante che le persone più fragili corrano ai ripari. I rischi collegati all'influenza non devono essere sottovalutati, ogni anno a livello nazionale sono ancora migliaia i decessi causati dall'influenza, direttamente o per complicanze. La vaccinazione rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire la malattia”.

     

    Il vaccino contro l'influenza può essere richiesto al proprio medico di famiglia. Il vaccino è gratuito per gli anziani con un'età superiore ai 65 anni, per tutte le categorie a rischio e per chi convive e assiste i malati.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...