spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La deputata: “Stopperemo l’emendamento figlio della schizofrenia leghista”

    FIRENZE-SIENA – “Il solo fatto che i due senatori leghisti hanno presentato un emendamento alla Legge di Stabilità, che prospetta il pedaggio sulla Siena-Firenze è un chiaro segnale della strana schizofrenia della Lega Nord".

     

    Così Susanna Cenni, deputato del Pd alla Camera commenta la notizia dell'emendamento presentato dai due senatori della Lega Nord, Jonny Crosio e Silvana Andreina Comaroli alla legge di Stabilità, per l’applicazione del pedaggio sulla Siena-Firenze.

     

    "Una Lega Nord – prosegue Cenni – che solo qualche anno fa davanti alla mobilitazione di amministratori, trasportatori, cittadini e davanti ai nostri atti parlamentari e alle tante interrogazioni si mobilitava contro i pedaggi e le gabelle e che oggi invece veste i panni dell’esattore e del gabelliere".

     

    Poi la promessa: "Sono certa che questo emendamento verrà fermato sul nascere dai nostri senatori, anche se sarebbe interessante conoscere la genesi di questa involuzione. La nostra battaglia va avanti in Parlamento per fare in modo che Anas completi rapidamente tutti i lavori sull'Autopalio, in modo da rendere sicura ed efficiente una delle arterie più importanti per l’economia, il turismo e la viabilità del nostro territorio".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...