spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Che bella storia la vita”, sold out la prima all’Everest di San Casciano: si replica il 25 maggio

    Fissate anche le date negli altri comuni: 17 maggio a Impruneta, 18 maggio a Greve in Chianti, 19 maggio a Tavarnelle...

    CHIANTI FIORENTINO – C’è (a dir poco) grande attesa per “Che bella storia la vita”, il film (51percento film e produzione, regia di Alessandro Sarti), che il 16 maggio di proietterà per la prima nazionale al Cinema Everest di San Casciano.

    Talmente grande (questa attesa) da esaurire in pochi giorni l’intera sala. Tanto che è già stata prevista, sempre all’Everest, una seconda proiezione il 25 maggio.

    Intanto però sono state fissate anche altre date, nei comuni del nostro territorio e oltre.

    Il film, nato da un’idea del sancascianese Roberto Caneschi, storico venditore di auto del territorio (che nel film recita una parte da protagonista), verrà infatti proiettato a Pontassieve (lunedì 29 maggio, Cinema Accademia); Tavarnelle (Cinema Olimpia, venerdì 19 maggio).

    E ancora a Greve in Chianti (Cinema Boito, giovedì 18 maggio); Impruneta (Cinema Buondelmonti, mercoledì 17 maggio).

    Nel cast Sergio ForconiSandra Milo, Gene Gnocchi.

    E poi Bruno Santini, Alessandro Calonaci, Gabriella Ceccherini, Maurizio Pistolesi, Patrizia Ferretti, Giuditta Niccolini, Giovanni Lepri, Raissa Moretti, Valerio Ranfagni, Mauro Ardia, Vanni Baldini, Pietro Torricelli, WikiPedro e molti altri.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...