spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chianti fiorentino: nel week end 8-9 maggio raccolta abiti usati dell’Operazione Mato Grosso

    Anche a San Casciano, Impruneta e Bagno a Ripoli: suoneranno alle porte delle case, ma potete già preparare il sacco e lasciarlo fuori per il ritiro

    CHIANTI FIORENTINO – Abiti usati da conferire all’Operazione Mato Grosso, torna la raccolta anche sul territorio del Chianti fiorentino.

    Nel weekend dell’8 e 9 maggio i volontari dell’associazione faranno una raccolta di vestiti usati nei comuni di Impruneta, Firenze, Bagno a Ripoli, Montespertoli e San Casciano.

    “Passeremo suonando casa per casa – annunciano – anche se è gradito il sacco già fuori casa. Il tutto rispettando scrupolosamente le normative anti Covid-19”. 

    “Ormai – ricordano dall’associazione Mato Grosso – è una tradizione vera e propria quella del passare casa per casa a raccogliere gli indumenti che le persone non usano più”.

    “La parte più bella – sottolineano – è il farlo con ragazzi che hanno 17 anni e che invece di stare sul divano regalano del tempo a chi ha bisogno”.

    “La collaborazione nei paesi è sempre più forte – dicono con orgoglio – E per noi ragazzi è un regalo”.

    Perché ricordano anche il “momento molto difficile, soprattutto nelle missioni, dove il Covid sta esplodendo. Noi dall’italia abbiamo proprio voglia di aiutare i nostri amici e i poveri dell’america Latina (Perù, Bolivia, Brasile e Ecuador)”.

    “Sentiamo il dovere di dare una mano – rilanciano – con forza, determinazione, sudore. Ma anche con entusiasmo e felicità”.

    “Oltre alla raccolta dei vestiti – ricordano in conclusione – durante ogni settimana dell’anno,  svolgiamo lavori come imbiancature, verniciature, sgomberi, traslochi, giardinaggio e pulizie”.

    Informazioni: Sara 3334007500.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...