spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chianti fiorentino: operazione antibracconaggio della polizia provinciale della Metrocittà

    Lacci armati e posizionati. Trasporto di arma carica in periodo di divieto generale. Per il trasgressore è scattata la denuncia

    CHIANTI FIORENTINO – Oggi, mercoledì 15 settembre, durante l’attività di contrasto al bracconaggio, gli agenti della polizia provinciale della Città Metropolitana di Firenze, con l’ausilio delle guardie venatorie del coordinamento professionale Firenze, hanno fermato un uomo a bordo di un veicolo con fucile calibro 20, caricato con 3 cartucce a palla.

    Stava percorrendo il perimetro di alcuni vigneti, in zona Chianti fiorentino, per ispezionare dei lacci armati e posizionati con esperienze sui passaggi obbligati dei selvatici.

    Gli agenti hanno individuato quattro siti dove i lacci (mezzo non consentito di caccia) erano posizionati per la cattura. Tutti i siti sono stati messi in sicurezza.

    Per il trasgressore è scattata la denuncia per trasporto su veicolo di arma carica, utilizzo di mezzi vietati e caccia in periodo di divieto generale.

    Un altro dei lacci posizionati

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...