spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’organizzazione agricola spiega come andare a fare la propria raccolta… senza correre rischi

    Dopo il salvataggio del fungaiolo soccorso sabato sera nei boschi di Comano, in Lunigiana, ora ricoverato all’Ospedale di Carrara, Coldiretti ha raccolto in un decalogo comportamenti, regole e accorgimenti da seguire per raccogliere i funghi in tutta sicurezza evitando così pericoli per la propria vita, quella di amici e compagni d’avventura e dei soccorritori.

     

    La pioggia degli ultimi giorni unita ad una buona dose di sole e temperature tra i 18-20 gradi – condizioni ottimali che si stanno verificando in queste ore in molte parti della regione – dovrebbero dare la spinta decisiva per una buona raccolta dopo un avvio non troppo felice.

     

    "In annate normali – stima Coldiretti – i boschi toscani possono regalare fino a 3mila tonnellate di funghi. Un’attività che, se da un lato è piacevole e rilassante per migliaia di fungaioli, dall’altra non va presa assolutamente sotto gamba ne tanto meno sottovalutati i rischi presenti nei boschi".

     

    Ma vediamo le regole di Coldiretti: per prima cosa invita a documentarsi sull'itinerario e scegliere i percorsi adatti alle proprie abilità fisiche e psichiche; comunicare i propri spostamenti prima di intraprendere l'escursione; evitare di inoltrarsi da soli nel bosco, la presenza di un compagno è garanzia di un primo soccorso; consultare, prima della partenza, i bollettini meteorologici e osservare costantemente sul posto l'evoluzione delle condizioni atmosferiche.

     

    In caso di maltempo non sostare in prossimità di alberi, pietre ed oggetti acuminati perché potrebbero attirare fulmini; scegliere l'abbigliamento e l'attrezzatura adatta all'impegno e alla lunghezza dell'escursione: si consigliano calzature da trekking, cellulare, lampada e coltello.

     

    "Se non si è certi della commestibilità del proprio raccolto – spiega Coldiretti – effettuare un controllo presso gli Ispettorati Micologici o l'Azienda Sanitaria Locale. Il raccolto giornaliero non deve superare i tre chili per persona. E’ vitato inoltre non utilizzare rastrelli o uncini che possano danneggiare ilmicelio mentre è importante di ricordarsi di pulire immediatamente il fungo dai residui di rami, foglie e terriccio per garantire la sua integrità". 

     

    "I funghi raccolti – prosegue l’organizzazione agricola – devono essere trasportati in contenitori rigidi ed areati. L'utilizzo di sacchetti di plastica non permette infatti la diffusione delle spore fungine nel bosco. La mancanza di areazione causa il deterioramento del prodotto. In caso di caso di necessità contattare il 1515, numero di Emergenza Ambientale del Corpo Forestale dello Stato".

     

    Coldiretti ricorda infine che per raccogliere funghi sul territorio toscano occorre l’autorizzazione che viene rilasciata dalla Regione Toscana e non più dal Comune di residenza del richiedente. Per la raccolta nel solo territorio del comune di residenza non è necessaria l’autorizzazione mentre per raccogliere i funghi al di fuori del Comune di residenza è necessario effettuare un versamento di 13 eur per l’autorizzazione personale semestrale, 25 euro per l’autorizzazione personale annuale. Il pagamento deve essere effettuato tramite bollettino postale intestato a: REGIONE TOSCANA al C/C Postale numero 6750946.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...