spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gilberto Macaluso nuovo responsabile dei servizi sociali dell’Unione comunale del Chianti Fiorentino

    Pedagogista con ampia esperienza nel settore sociale, ha già attivato una indagine per scattare una fotografia dei bisogni e delle risorse. E pianificare gli interventi

    CHIANTI FIORENTINO – Arriva dal Friuli Venezia Giulia, dove ha svolto vari incarichi in qualità di dirigente con funzione di direttore generale occupandosi, tra le altre attività, di servizi residenziali per anziani non autosufficienti e per disabili.

    E da alcuni mesi è entrato in servizio per l’Unione comunale del Chianti Fiorentino nel ruolo di responsabile dei servizi sociali.

    Gilberto Macaluso, 55 anni, è laureato in Pedagogia ad indirizzo psicologico, e vanta un percorso professionale ricco di esperienze, dall’attività di educatore professionale agli incarichi dirigenziali nel settore sociale.

    Oggi, per l’Unione, è all’opera nella gestione amministrativa dei servizi sociali, in una funzione di raccordo tra i comuni di Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle e la Società della Salute Fiorentina Sud Est, e nell’attivazione di vari progetti tesi a migliorare l’organizzazione del lavoro, in collaborazione con il personale dell’Unione, l’efficacia e l’efficienza dei servizi in linea con i bisogni effettivi.

    “Il mio è un lavoro che può realizzare importanti obiettivi – commenta – se supportato da una precisa azione di programmazione e pianificazione degli interventi, puntuali, mirati, consoni alle esigenze del territorio”.

    “Sono molto contento – continua – dell’incarico che mi è stato assegnato, ho trovato una calorosa accoglienza da parte delle amministrazioni chiantigiane ed altrettanto positiva e proficua è la collaborazione con tutti i dipendenti ed in particolare con gli assistenti sociali dei tre Comuni, persone altamente qualificate”. 

    Tra i nuovi progetti messi in campo da Macaluso, nati dalla necessità di individuare le attuali necessità delle comunità e delle fasce deboli della popolazione chiantigiana, spicca la ricerca sociale nel territorio dell’Unione comunale del Chianti fiorentino condotta in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Firenze.

    Si tratta di una ricerca-azione sui bisogni in ambito socio assistenziale e sulle risorse di comunità presenti nel territorio del Chianti fiorentino.

    “Il nostro obiettivo – precisano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli – è costruire una visione di welfare comunitario attraverso un percorso articolato. Che si propone in prima istanza di scattare una fotografia accurata della situazione demografica, economica e sociale dell’area e delle sue tendenze evolutive e dei cambiamenti significativi, partendo dalla ricerca e dall’analisi delle banche dati esistenti”.

    Il progetto prevede una seconda fase in cui l’Unione dei Comuni analizzerà le richieste di intervento socio-assistenziale registrate nell’ultimo anno dai servizi sociali e dagli enti del terzo settore.

    “Per la realizzazione e il completamento di questo quadro – specifica Gilberto Macaluso – che prevede una serie di interviste ai responsabili locali delle associazioni e delle amministrazioni, sarà fondamentale la collaborazione delle numerose organizzazioni che si adoperano per erogare servizi nel territorio”.

    “E consolidare – conclude – l’attività di monitoraggio e programmazione delle azioni con cui dare risposte concrete ai bisogni locali a medio e lungo termine”.

    Gilberto Macaluso subentra alla ex dipendente Lucia Frosini, attualmente in pensione, che le amministrazioni comunali ancora una volta ringraziano per il lavoro svolto con grande professionalità, impegno e dedizione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...