spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grande successo delle Camminate fra gli Olivi, organizzate da Comuni del Chianti e Città dell’Olio

    A Barberino Tavarnelle, San Casciano e Greve in Chianti tanti i percorsi che hanno permesso agli escursionisti di conoscere le peculiarità ambientali e le produzioni locali

    CHIANTI FIORENTINO – I Comuni di San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle, aderenti alla rete nazionale delle Città dell’Olio, lavorano in sinergia per la valorizzazione, la conoscenza e la promozione di uno dei prodotti principe della tradizione contadina chiantigiana, l’oro verde.

    Oltre al vino, è l’olio extravergine d’oliva l’elemento su cui i riflettori del Chianti fiorentino si accendono nei mesi autunnali con l’organizzazione di giornate speciali dedicate alle camminate tra gli olivi.

    Alle escursioni tra le colline più ambite del mondo con la possibilità di degustare le eccellenze delle aziende locali, agli incontri informativi sul valore socio-economico e i benefici salutari dell’olio.

    E’ stata siglata dalla partecipazione di decine di escursionisti la passeggiata naturalistica che i tre comuni, favoriti anche da una tiepida domenica di ottobre, hanno organizzato con successo ieri realizzando la quinta giornata “Camminata tra gli Olivi”, lanciata dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio.

    “Al nostro invito orientato alla conoscenza e alla scoperta della cultura olivicola – affermano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli – hanno risposto in tanti, le cittadine e i cittadini hanno gradito la possibilità di conoscere ed esplorare il territorio con i profumi e i sapori che emana il Chianti fiorentino in questo periodo dell’anno, profumi del passato e della sapiente fusione tra qualità e naturalezza”.

    “Lavoriamo insieme – rimarcano – anche facendo parte della rete delle Città dell’Olio, per promuovere le nostre produzioni e far conoscere le eccellenze chiantigiane, la camminata tra gli ulivi è stata un’occasione che ha permesso di esaltare la bellezza paesaggistica e la qualità delle produzioni locali in un momento di passaggio, non vocato tradizionalmente all’affluenza turistica, guardiamo al futuro con la forza millenaria del nostro territorio e le peculiarità ambientali e culturali che rendono le nostre terre prestigiose e di particolare fascino”.

    La camminata di Greve in Chianti è stata arricchita dalla partecipazione dell’esperto Gionni Pruneti, nonché presidente del Consorzio Olio DOP Chianti Classico, che ha raccontato le differenze tra le varie tipologie di olio.

    Nel territorio di San Casciano i tragitti sono stati due e hanno attraversato boschi ricchi di piante secolari e specie vegetali di particolare pregio come un’antica sequoia.

    I percorsi hanno previsto soste per soddisfare il palato presso le aziende agricole La Ranocchiaia, La Bruscola, Villa le Corti, I Greppi di Silli, Poggio Borgoni, Villa Caserotta.

    A Barberino Tavarnelle le passeggiate tra San Donato in Poggio e il borgo di Cortine hanno permesso di inoltrarsi tra gli antichi poderi, i terrazzamenti e i muri a secco.

    Particolarmente gradita la visita alla Fattoria di Montecchio di cui sono stati mostrati il frantoio e l’antica fornace dove non sono mancati gli assaggi di olio, vino e altri prodotti locali dell’azienda.

    Le amministrazioni comunali ringraziano le aziende locali per aver collaborato alla realizzazione dell’iniziativa.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...