spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I sindaci del Chianti fiorentino: “Autostrade sta imponendo un lockdown al nostro territorio”

    Paolo Sottani, Roberto Ciappi, David Baroncelli: "Incomprensibile e inaccettabile. Vita impossibile per cittadini, lavoratori pendolari e turisti". Chiesto incontro dal Prefetto

    CHIANTI FIORENTINO – “In questo momento la viabilità più trafficata del nostro territorio, biglietto da visita per chi giunge dall’esterno, arteria di collegamento tra Firenze e Siena, si presenta nella sua forma peggiore”.

    Hanno atteso qualche giorno i sindaci del Chianti fiorentino (Roberto Ciappi, Paolo Sottani e David Baroncelli), ma poi di fronte alla situazione creata da cantieri lungo l’Autopalio e chiusure sull’A1, usano parole pesantissime.

    “Nel momento in cui occorreva agevolare il più possibile la fluidità della viabilità a sostegno del rilancio del Chianti dal punto di vista economico, produttivo e turistico – accusano – Autostrade per l’Italia ci impone un nuovo lockdown, appesantito da un invivibile slalom di cantieri e chiusure autostradali. Tutto ciò è incomprensibile e inaccettabile”.

    Ed ecco allora le code chilometriche sotto la canicola estiva, pericolosi restringimenti della carreggiata, maggiore esposizione al rischio di incidenti.

    “Anziché prepararsi ad accogliere l’atteso, quanto mai necessario, intensificarsi dei flussi turistici in una delle aree di collina più battute al mondo da visitatori italiani e straniere – si legge nella nota diffusa dai tre sindaci, di San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle – l’estate del Chianti finisce reclusa e isolata, almeno fino al 31 agosto, in un imbuto senza sfondo puntellato di criticità”.

    “Con la chiusura della stazione di Impruneta – si rimarca – che interdice ogni via di accesso in uscita da Roma e in ingresso, in direzione Bologna, e le difficoltà legate ai cantieri appena ripartiti che di fatto imprigionano l’Autopalio, rallentando e congestionando il traffico”.

    Mentre sta per partire la richiesta di un incontro con la Prefetta di Firenze Alessandra Guidi, protestano i primi cittadini dei Comuni del Chianti fiorentino che si affacciano sulla Firenze-Siena, un territorio vasto e complesso, caratterizzato da una densità demografica pari a circa 50mila abitanti e la presenza strategica di alcune delle aree industriali-artigianali più significative della Toscana.

    Sindaci che non ci stanno e si infiammano contro i tempi e le modalità esecutive degli interventi previsti nel tratto fiorentino dell’A1, parte del piano nazionale che la società ha avviato sull’intera rete autostradale.

    “La grave e caotica situazione che dallo scorso 26 giugno – proseguono – si è creata all’imbocco dello svincolo autostradale Firenze Siena a causa della chiusura della stazione di Firenze Impruneta, accompagnata dai lavori di potenziamento e ammodernamento nelle gallerie di Pozzolatico, Brancolano, Lastrone, Melarancio, rende impossibile la vita dei cittadini, dei lavoratori pendolari e dei turisti che aspettiamo da più di un anno per rilanciare il nostro territorio”.

    Infuriarsi e cercare un dialogo, peraltro inascoltato, non basta. I sindaci lo sanno, e stanno elaborando una serie di azioni con le quali contestare fermamente la volontà di Autostrade e individuare proposte e soluzioni concrete alternative alle criticità evidenziate.

    Per questo motivo procederanno con la richiesta di un incontro con la Prefetta di Firenze, la dottoressa Alessandra Guidi.

    “Per più di due mesi, e come se non bastasse in corrispondenza della stagione turistica, Autostrade imbottiglierà il Chianti piazzando cantieri ovunque – continuano – siamo coscienti della necessità di realizzare gli investimenti programmati ma perché darne attuazione in questo momento, dopo aver assistito per lunghi periodi all’inattività di questi stessi cantieri?”.

    “Com’è possibile che non si comprenda l’importanza di intervenire con immediatezza sull’enorme caos che assedia le nostre strade – incalzano – e perché non approfittare delle misure anticovid e della riduzione degli spostamenti dei mesi scorsi per mettere in campo gli interventi preoccupandosi di limitare il più possibile i disagi alla popolazione?”.

    “Chiediamo – rilanciano – anzi esigiamo, di far parte di un tavolo di coordinamento per condividere strategie e percorsi migliorativi, adeguati alle esigenze di chi vive e lavora in questo territorio”.

    “Siamo stufi dell’inefficienza, dei ritardi, del mancato confronto con Autostrade per l’Italia – concludono – Siamo i rappresentanti istituzionali più vicini alle nostre comunità e veniamo trattati come realtà invisibili. Questa la chiamiamo democrazia?”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...