spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’istituto di credito chiantigiano in un nuovo e prestigioso spazio accanto alla cattedrale

    CHIANTI FIORENTINO – Una nuova presenza nel cuore di Firenze. Mercoledì 19 giugno, alle 19.30, ChiantiBanca Credito Cooperativo inaugura la sua filiale di piazza Duomo. La novità è il frutto di un'ottimizzazione dell'assetto commerciale conseguente ai recenti cambiamenti che hanno visto ChiantiBanca protagonista prima di una fusione e, successivamente, di un’acquisizione.

     

    Il risultato è una prestigiosa location in più senza variare il numero totale degli sportelli, che restano alla già ragguardevole quota di 38; questo grazie della trasformazione di una filiale (a Martignana, nell’empolese) in una postazione bancomat di ultima generazione.

     

    Tante le novità presenti all’interno dello spazio adiacente la cattedrale di Firenze. Su tutte, il design in grado di avvicinare tradizione e progresso, in un ambiente capace di comunicare senso di appartenenza al Chianti e di offrire – allo stesso tempo – innovazione come chiave per differenziarsi sul mercato.

     

    “Il nostro spirito diverso di fare Banca – dice il presidente ChiantiBanca, Claudio Corsi – nel tempo è rimasto inalterato nella sua essenza; la banca è cresciuta, ma il radicamento territoriale si è rafforzato, assieme alle occasioni ed ai vantaggi per i nostri soci, i nostri clienti, i nostri partner”.  

     

    “Lo sportello che si inaugura a Firenze – aggiunge il direttore generale Andrea Bianchi – dimostra la volontà di offrire al tessuto sociale ed economico del centro storico fiorentino, alle famiglie, ai tanti commercianti e professionisti che vi operano, l’alternativa di una banca vera in cui tornare finalmente ad identificarsi”.

     

    Una banca anche estremamente evoluta, come dimostrano i bancomat (ben quattro) di cui è dotata, che realizzano un servizio utile alla città ed ai tanti stranieri che giornalmente transitano in piazza Duomo.
     

    Una filiale estremamente innovativa, come si percepisce fin dal primo impatto. Il concept progettuale della filiale ChiantiBanca in piazza Duomo, realizza infatti una "banking experience" innovativa, un’atmosfera che riporta in ambiente bancario il clima di relazione e di accoglienza tipico delle osterie del Chianti e delle piazze dei suoi paesi.

     

    L’impiego di materiali naturali, leggeri e sostenibili accentua il tono cordiale ed elimina la sensazione di burocrazia che spesso caratterizza gli ambienti bancari. L'approccio relazionale subisce quindi una profonda trasformazione, grazie all'introduzione di differenti luoghi in cui avviene la consulenza: tavolini bassi con sedute, tavoli alti con sgabelli e zone più chiuse per una maggior privacy.

     

    Le postazioni ATM sono predisposte per offrire un servizio automatizzato di cassa, al cui utilizzo verranno istruiti i clienti fino dalla prima visita nella nuova filiale. Questo per agevolare la strategia multicanale della banca, giustificata anche dalla totale assenza di casse, fisicamente spostate nel back-office ed in una zona accessibile – in caso di necessità – solo agli operatori.

     

    Il legame di ChiantiBanca alle sue origini è trasmesso anche dagli elementi presenti all’interno degli spazi: una vera promozione delle eccellenze del Chianti, attraverso un sistema espositivo integrato e video wall di ultima generazione. Materiali naturali, legno e colori come il noce ed il verde, insieme ad un'illuminazione soffusa, completano un quadro in grado – oltre che di offrire a soci e clienti tutto ciò di cui necessitano a livello di servizi bancari – di far vivere agli ospiti la vera espressione naturale del Chianti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...