spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Integrazione, formazione, inserimenti lavorativi dei migranti: i numeri del Progetto Sai nel Chianti fiorentino

    Per la riqualificazione professionale dei titolari di protezione internazionale. Sono 135 gli inserimenti lavorativi nelle aziende locali: molti ex ospiti vivono e lavorano sul territorio e sono cittadini integrati

    CHIANTI FIORENTINO – Quelli del SAI (Sistema Accoglienza e Integrazione) di San Casciano, il progetto diffuso che offre accoglienza, orientamento, educazione, formazione e riqualificazione professionale ai titolari di protezione internazionale, finanziato dal Ministero degli Interni, sono numeri che contano.

    E confermano il raggiungimento di consistenti obiettivi di integrazione e inserimento nel tessuto sociale ed economico del Chianti fiorentino.

    Attivo dal 2017, con 35 posti attivi di accoglienza sui due territori di San Casciano e Barberino Tavarnelle, il SAI ha accolto 121 persone, di cui 87 inseriti in progetti di inclusione lavorativa e alloggiativa.

    In questi anni sono stati attivati oltre 240 corsi di formazione, 30 tirocini formativi e 135 inserimenti lavorativi nelle aziende locali e molti ex ospiti oggi vivono e lavorano sul territorio e sono cittadini integrati.

    Il progetto SAI, attraverso il lavoro di un’équipe multidisciplinare, si occupa di fornire i seguenti servizi: accoglienza materiale, mediazione linguistica e culturale, orientamento ai servizi del territorio.

    Informazione e orientamento legale, orientamento e accompagnamento sociale, educazione, formazione e riqualificazione professionale, orientamento ed accompagnamento all’inserimento lavorativo, orientamento all’inserimento abitativo.

    Infine, tutela psico-socio-sanitaria, laboratori educativi, attività di socializzazione, eventi di sensibilizzazione per i cittadini.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...