mercoledì 25 Novembre 2020
Altre aree

    Lions Club Barberino Montelibertas: occhiali e lenti usate per i Paesi più poveri

    Al Centro Italiano Lions Raccolta Occhiali Usati nel tornese 1.214 paia di occhiali e 1.822 lenti. Grazie all'impegno di Giuseppe Lapini, Morando Morandi e Gino Giannini

    CHIANTI FIORENTINO – Con il motto “A te non servono più, ma possono aiutare qualcuno a riacquistare la vista”, dal 2003 il Centro Italiano Lions Raccolta Occhiali Usati, in provincia di Torino, che raccoglie – ricevendoli periodicamente dai singoli Lions Club italiani, ripristina e consegna occhiali usati, da vista e da sole, a chi ne ha bisogno in tutto il mondo.

    C’è un gran bisogno di occhiali usati nei Paesi più poveri; ed un cattivo funzionamento della vista può costringere gli adulti spesso artigiani alla disoccupazione e ad estromettere i bambini dalle classi scolastiche e dallo studio, intere fasce della popolazione ad estraniarsi dal mondo.

    E purtroppo nei Paesi in via di sviluppo un esame della vista è troppo costoso e spesso l’unico medico è introvabile e inaccessibile.

    E’ stato stimato dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità che per circa un quarto della popolazione del mondo, la vista può essere migliorata attraverso l’uso di lenti correttive.

    Da questa valutazione è nata e si è sviluppata nei Lions la volontà di agire efficacemente per contrastare questo grave problema, a svolgere anno dopo anno, sempre con maggior intensità e sempre ampliando i punti raccolta e migliorandone la visibilità.

    E’ questo non richiede investimento di risorse finanziarie, ma solo un Volontariato sempre più attivo ed incisivo, generosamente dedicato a cercare di migliorare le condizioni di vita dei più fragili, dedicando tempo, passione ed attività personale per raggiungere di anno in anno sempre maggiori risultati.

    L’ultimo conferimento del Lions Cub Barberino Mntelibertas al Centro Italiano Lions Raccolta Occhiali Usati, nel luglio 2019, è stato di 360 lenti e di 1.245 paia di occhiali.

    E adesso è in partenza per il Centro, nel torinese, un altro contributo di 1.214 paia di occhiali e 1.822 lenti.

    “E’ stato possibile raggiungere questi risultati – dicono dal Lions Club Barberino Montelibertas – grazie al coinvolgimento dei nostri soci, in particolare di Giuseppe Lapini, residente nel comune di San Casciano e su quel territorio attivissimo. E per il comune di Barberino Tavarnelle Morando Morandi con Gino Giannini, nel centro di Tavarnelle e nelle frazioni”.

    “Ed anche grazie – tengono a dire dal Lions Club – alla disponibilità di spazio e collaborazione dei titolari e referenti degli oltre 30 punti raccolta nel nostro territori, che ringraziamo a nome nostro ed a nome dei futuri beneficiari, elencandoli.

    Punti di raccolta – Officer Lions Referente Giuseppe Lapini

    San Casciano

    Farmacia Parrini di Boscia

    Farmacia Calamandrei di Boscia

    Occhiali In Vista

    Studio L di Ceroni Claudio

    Biblioteca Comunale

    Parrocchia S.Cassiano

    Sede ASL

    Sede CGIL

    Sede Associazione Volontariato Anteas

    Ottica Gherardi

    URP Palazzo Comunale

    Ambulatori della Misericordia,

    Cerbaia

    Centro socio culturale

    Mercatale

    Farmacia Dott. Modugno

    Punti di raccolta – Officer Lions Referenti Morando Morandi e Gino Giannini

    Barberino Tavarnelle

    Macelleria Morando Morandi

    Farmacia Tanganelli

    Ottica Giuditta

    Ambulatori della Misericordia

    URP Palazzo Comunale Tavarnlle

    Ambulatori e Studi Medici CALCIT

    Barberino – Ambulatori e Studi Medici

    San Donato in Poggio – Farmacia

    Fiano – Farmacia

    FIRENZE – ELLE.E.NICO, Negozio Parrucchiere Salone di bellezza 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...