spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano-Greve in Chianti, l’appello di Francesco Bandinelli: “Aiutatemi e ritrovare Jeffrey”

    "Veniva a San Casciano il sabato mattina, era benvoluto da tanti. Il giovedì invece andava a Greve in Chianti. Nel 2018 si è trasferito in Germania, ed ho perso i contatti"

    SAN CASCIANO-GREVE IN CHIANTI – Riceviamo e pubblichiamo questo appello, di Francesco Bandinelli.

    Ognuno di noi può cercare di aiutarlo condividendolo al massimo. Chissà che in qualche modo non arrivi al diretto interessato. Oa chi sa come rintracciarlo… .

    Chiedo il vostro aiuto per ritrovare una persona a me molto cara, di cui ho completamente perso le tracce negli ultimi anni.

    Si tratta di un ragazzo di origine nigeriana che per anni ha frequentato il nostro paese cercando di vendere qualcosa dal suo borsone.

    Il suo nome è Jeffrey il cognome completo purtroppo non lo conosco) ed era solito venire a San Casciano il sabato mattina.

    Passava la prima parte della mattina presso la Coop, per poi salire in paese verso mezzogiorno dove abitualmente andava a salutare amici e conoscenti.

    Ha sempre avuto un modo di fare molto gentile ed educato, più che cercare di vendere voleva scambiare due parole. Nel tempo avevamo costruito un bel rapporto di amicizia e ci sentivamo spesso.

    Ho cercato di aiutarlo quando mi era possibile e spesso lo invitavamo a pranzo a casa con noi.

    Il giovedì era solito andare a Greve in Chianti, dove passava l’intera giornata tra la Coop e la piazza.

    Siccome lavoro nella zona di Greve, quando mi era possibile il giovedì in pausa pranzo andavo da lui per pranzare insieme.

    Anche a Greve godeva dell’amicizia di molti, era sempre benvenuto nei bar dove spesso le persone gli offrivano la colazione. Mi diceva sempre che aveva un paio di contatti su Greve che gli davano una mano quando possibile.

    Ad aprile 2018 si trasferì in Germania, vicino a Monaco di Baviera, dove un suo amico residente lì gli aveva trovato un impiego presso una fabbrica di porcellane.

    Qualche settimana dopo fece ritorno in Italia per sistemare gli ultimi documenti riguardanti il permesso di soggiorno, venne a salutarmi dicendomi che mi avrebbe inviato il nuovo numero di telefono una volta rientrato a Monaco.

    Purtroppo così non è mai stato. Sono sicuro che ha perso il mio numero nel cambio di telefono, è una cosa che gli è successa varie volte nel corso degli anni.

    Non avendo social chiedo l’aiuto dei lettori: sono sicuro che altri come me hanno avuto modo di entrare in contatto con lui nel corso degli anni.

    Se qualcuno ha un suo contatto prego di darmi la possibilità di tornare in contatto con lui, vorrei avere sue notizie. Jeffrey dovrebbe avere adesso 38 anni se non sbaglio.

    Quando era in Italia viveva a Montecatini. Ne 2016 si ruppe una mano cadendo dalle scale, fu necessario un intervento per ricomporre la frattura e per diversi mesi portò un tutore al braccio.

    Jeffrey ha un bambino che dovrebbe avere una decina di anni. La sua compagna ha vissuto per anni a Parigi col bambino, poi una volta rientrati in Nigeria il bambino fu ricoverato in ospedale e fu necessario un intervento in seguito ad una grave infezione contratta tramite acqua non potabile.

    Scrivo queste informazioni nella speranza che qualcuno lo riconosca e lo possa contattare almeno sui social. Di seguito l’ultima foto che ci siamo fatti insieme quando ci siamo salutati prima della sua partenza per la Germania.

    Grazie del vostro aiuto.

    Francesco Bandinelli

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...